Critica Sociale - Portale della Rivista storica del socialismo fondata da Filippo Turati nel 1891
Critica Sociale ha ottenuto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica

Le guerre del XXI secolo

Pubblicato: 22-01-2023
Rubrica: Tempi Moderni
Le guerre del XXI secolo

In termini assoluti, la guerra in Ucraina è molto meno sanguinosa, (almeno a livello di vittime civili) di quelle che hanno segnato la seconda metà del secolo scorso ( pensiamo al Vietnam ma anche alla guerra tra Iran e Iraq e alle stragi in Indonesia). Ma anche di quelle dei primi due decenni del nostro: che si tratti dell’Afghanistan o dell’Iraq, della Siria, dello Yemen o dell’Etiopia. Ma, come vedremo tra poco, è assai più drammatica. E foriera di pericoli per la pace mondiale.

In comune con loro ( fatta eccezione dei conflitti di tipo coloniale) ha l’impossibilità di concludersi con un accordo formale di pace;il massimo su cui si può contare  al massimo, è una sospensione  del conflitto. E questo perché non abbiamo a che fare con un contesa di tipo territoriale ma con una guerra motivata da fattori ideologici se non dal puro e semplice odio, il cui obbiettivo e più che la sconfitta la distruzione/resa dell’avversario; e in cui, conseguentemente, i motivi  del contrasto, momentaneamente sospeso, rimangono nel profondo e sono suscettibili di riesplodere in qualsiasi momento.

A porre fine al conflitto concorrevano, peraltro, diversi fattori. In primo luogo, e in carattere generale, l’esistenza di un ordine internazionale, istituzionalmente interessato, anzi vocato a porre fine ai conflitti. E, nello specifico, l’esaurimento di uno ( è il caso degli Stati Uniti, protagonisti di diverse guerre asimmetriche, dove la parte più debole è anche la più fortemente motivata, vedi Afghanistan ma non solo); o di tutti i contendenti, consapevoli dei costi sempre meno sopportabili di una guerra in cui nessuno era in grado di raggiungere pienamente i suoi obbiettivi..

 In molti casi, infine, le parti in causa non erano in grado di chiudere la partita da soli; ma, allora,  a imporre la tregua, c’erano uno o più mediatori esterni ( è il caso del conflitto israeliano palestinese), vitalmente interessat a mantenere sotto controllo conflitti potenzialmente esplosivi.

“Concorrevano”, “Era”. Stiamo parlando del passato. Di un mondo di cui sembrano scomparse persino le tracce. Mentre oggi, la guerra in Ucraina è il motore primo e il simbolo della fine di qualsiasi ordine mondiale degno di questo nome. E di un processo che, se abbandonato a sé stesso, ci spingerà irresistibilmente verso un nuova guerra generalizzate. O, nel migliore dei casi, verso un mondo in cui il moltiplicarsi dei conflitti di ogni genere, e in particolare quelli tra governanti e governati, segnerà la crisi irreversibile della democrazia.

Qui il pensiero corre irresistibilmente alla prima guerra mondiale. Allora, come ci ricorda Clark, i gruppi dirigenti dell’epoca  si avviarono come sonnambuli verso un conflitto che immaginavano breve e glorioso ma da cui sarebbero usciti tutti distrutti , assieme alla civiltà liberale.

Oggi, a differenza da quanto accadde  allora, tutti, il popolo bue compreso, sono  perfettamente in grado di vedere e di capire i pericoli cui andiamo incontro. Anche se i più si tappano gli occhi e le orecchie limitandosi a fare i tifosi ; o tacciono, sperando per il meglio, nella consapevolezza della loro collettiva impotenza.

Oggettivamente, esistono tutte le condizioni per la cessazione del conflitto. Nessuno è in grado di vincerlo sul terreno: i russi possono, al più, consolidare il controllo del Donbass; Zhelensky non è in grado di conquistare la Crimea e il colpo di stato dei buoni ( ?!) per spodestare Putin è una pericolosa fantasia. Per altro verso le sofferenze arrecate al popolo ucraino stanno diventando sempre più insopportabili; ei riflessi del conflitto sull’ordine mondiale e sulla tenuta del sistema democratico sempre più drammatici. E basti citare, a questo riguardo, la sistematica demolizione di tutte le istituzioni internazionali, dall’Onu all’ultima delle Ong; e, nel contempo, le generale erosione del sistema democratico, in ritirata dappertutto, ivi compresi i paesi dell’occidente. Né mancano, a chiudere ragionevolmente la partita, gli aspiranti mediatori.

Pure il meccanismo non scatta. Di più la guerra sembra alimentare sé stessa, in un processo che sembra inarrestabile.

E non scatta perché viene rappresentato, e in modo martellante, non per quello che è- una guerra di natura geopolitica, ma per quello che l’Occidente pretende che sia: una guerra contro la democrazia; e di riflesso una lotta del Bene contro il Male. E quindi un conflitto che non tollera compromessi  o tregue; perché non può che concludersi con la vittoria del primo sul secondo.

Capiamo; ma non ci adeguiamo. Anche perché vorremmo sapere cosa intende l’Occidente per “vittoria”. Su questo regna, almeno sinora, un silenzio assordante. Salvo a dividersi tra quelli che vogliono dare a Zhelensky tutte le armi che vuole, accompagnati , nel loro vociare, dagli innumerevoli guerrieri da tastiera e quelli che resistono a questa pressione ambientale- parliamo della Germania e degli Stati Uniti, ma in modo ancora silenzioso. Così come la pubblica opinione , quasi dovunque favorevole alla tregua ( almeno in base ai sondaggi, nella stessa direzione anche in Russia) ma anch’ essa, al dunque, silenziosa.

Fino a quando ?

Alberto Benzoni

Condividi

Facebook Twitter WhatsApp Telegram E-mail

Ultimi articoli della rubrica...

  • 31-01-2023
    Tempi di rancore

    Sul caso Cospito

    •••
  • 23-01-2023
    Pd, movimenti e sistema politico

    di Franco Astengo

    •••
  • 22-01-2023
    Le guerre del XXI secolo

    di Alberto Benzoni

    •••
  • 21-01-2023
    Qualcuno spieghi a Calenda...

    il "premierato" peggio del presidenzialismo

    •••
  • 08-01-2023
    L'unica cosa che so

    Allora come oggi

    •••
  • 12-12-2022
    La scoperta dell'ombrello

    Come è noto, l’ombrello è l’oggetto più infido che esista. Perché non ti accorgi mai di averlo smarrito. E non riesci mai a ritrovarlo. Perché lo prendi quando ci sarà il sole; dovendoti affidare poi al bengalese di turno nel caso contrario...

    •••
  • 08-11-2022
    Tre appelli per la parola "socialismo"

    Gli appelli e i testi che pubblichiamo in questa pagina sono accomunati, ci pare, dalla necessaria “rimessa in circolo” di una parola, socialismo, che è la necessaria ragion d’essere della nostra rivista. Ci pare quindi da una parte un indice della serietà della situazione politica attuale, dall’altra, finalmente, il segnale per ricominciare a ragionare non solo in termini di alternanza, ma anche, e soprattutto, di alternativa socialista. Per tutti coloro che vogliano ragionare in questa prospettiva, sono parti gli spazi del nostro sito e le colonne della nostra rivista.

    •••
  • 31-07-2022
    Rilanciare il tema dell’eguaglianza per la costruzione di un nuovo campo socialista

    Il risultato delle elezioni del 25 settembre, oltre alla conquista della destra, e poi anche del governo, da parte di FdI, è la rinascita della questione sociale. Ciò non può significare che un’altra occasione di ritorno definitivo del socialismo, perché laddove si impone la questione sociale c’è spazio, anzi bisogno, del socialismo. 

    •••
Archivio...