Critica Sociale - Portale della Rivista storica del socialismo fondata da Filippo Turati nel 1891
Critica Sociale ha ottenuto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica

Qualcuno spieghi a Calenda...

Pubblicato: 21-01-2023
Rubrica: Tempi Moderni

QUALCUNO SPIEGHI A CALENDA CHE IL "PREMIERATO" E' MOLTO PEGGIO DEL PRESIDENZIALISMO

Ieri una delegazione del terzo (quarto ? quinto ?) polo ha incontrato la ministra delle riforme Elisabetta Alberti Casellati. Dopo l'incontro, Modesto Calenda (copyright Stefano Morselli) ha dichiarato "siamo nettamente contrari e non disponibili sul presidenzialismo. Siamo invece favorevoli a un premierato, quindi un presidente del Consiglio con poteri più forti, anche eletto direttamente".

Non so se Calenda sia proprio digiuno di cultura costituzionale, o se la frequentazione di Renzi, noto teorico di quella sesquipedale bestialità del "sindaco d'Italia", lo abbia traviato: chi va con lo zoppo ...

In ogni caso, qualcuno che gli vuole bene dovrebbe fargli capire che è come se avesse detto: sono assolutamente contrario all'inquinamento da polveri sottili; sono invece favorevole a cospargere il Paese di diossina.

Quando si parla di modelli costituzionali di governo, la questione dirimente, come è noto almeno dal 1748 (data di pubblicazione del libro "lo Spirito delle leggi" di Montesquieu), è quella della separazione dei poteri, cioè della creazione di pesi e contrappesi che evitino di concentrare in un unico organo troppi poteri perché “una sovranità indivisibile e illimitata è sempre tirannica”.

Sotto questo profilo, i sistemi presidenziali o semi-presidenziali più collaudati (USA e Francia per intenderci) offrono buone garanzie perché mantengono una piena indipendenza del parlamento, cioè del potere legislativo, dall'esecutivo. Il Presidente eletto direttamente dal popolo è dotato di molti (negli USA) o alcuni (in Francia) poteri, ma esiste un ottimo bilanciamento perché anche le assemblee parlamentari, elette separatamente, hanno prerogative e funzioni altrettanto incisive.

Diverso sarebbe il caso di un Presidente del Consiglio eletto direttamente, che per forza come avviene per sindaci e presidenti di regione dovrebbe ottenere contestualmente una maggioranza precostituita nell'assemblea parlamentare; presumibilmente attraverso un premio di maggioranza assegnato alla lista o coalizione del PdC vincente, a turno unico o con ballottaggio.

L'elezione diretta del PdC in presenza di una democrazia parlamentare è qualcosa che, non a caso, non esiste in nessun Paese democratico. La sperimentarono in Israele a metà degli anni 90 e fu un disastro per cui dopo poco tempo tornarono indietro.

Personalmente continuo a preferire la nostra democrazia parlamentare, che poi è il modello europeo, ma piuttosto che avere il "premierato" sceglierei tutta la vita la repubblica presidenziale.

Luciano Belli Paci

Condividi

Facebook Twitter WhatsApp Telegram E-mail

Ultimi articoli della rubrica...

  • 31-01-2023
    Tempi di rancore

    Sul caso Cospito

    •••
  • 23-01-2023
    Pd, movimenti e sistema politico

    di Franco Astengo

    •••
  • 22-01-2023
    Le guerre del XXI secolo

    di Alberto Benzoni

    •••
  • 21-01-2023
    Qualcuno spieghi a Calenda...

    il "premierato" peggio del presidenzialismo

    •••
  • 08-01-2023
    L'unica cosa che so

    Allora come oggi

    •••
  • 12-12-2022
    La scoperta dell'ombrello

    Come è noto, l’ombrello è l’oggetto più infido che esista. Perché non ti accorgi mai di averlo smarrito. E non riesci mai a ritrovarlo. Perché lo prendi quando ci sarà il sole; dovendoti affidare poi al bengalese di turno nel caso contrario...

    •••
  • 08-11-2022
    Tre appelli per la parola "socialismo"

    Gli appelli e i testi che pubblichiamo in questa pagina sono accomunati, ci pare, dalla necessaria “rimessa in circolo” di una parola, socialismo, che è la necessaria ragion d’essere della nostra rivista. Ci pare quindi da una parte un indice della serietà della situazione politica attuale, dall’altra, finalmente, il segnale per ricominciare a ragionare non solo in termini di alternanza, ma anche, e soprattutto, di alternativa socialista. Per tutti coloro che vogliano ragionare in questa prospettiva, sono parti gli spazi del nostro sito e le colonne della nostra rivista.

    •••
  • 31-07-2022
    Rilanciare il tema dell’eguaglianza per la costruzione di un nuovo campo socialista

    Il risultato delle elezioni del 25 settembre, oltre alla conquista della destra, e poi anche del governo, da parte di FdI, è la rinascita della questione sociale. Ciò non può significare che un’altra occasione di ritorno definitivo del socialismo, perché laddove si impone la questione sociale c’è spazio, anzi bisogno, del socialismo. 

    •••
Archivio...