Critica Sociale - Portale della Rivista storica del socialismo fondata da Filippo Turati nel 1891
Critica Sociale ha ottenuto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica

L'unica cosa che so

Pubblicato: 08-01-2023
Rubrica: Tempi Moderni

L'unica cosa che so è che vivere sul serio, oggi, significa resistere a tutti i mastodonti che ti minacciano. Significa rifiutare obbedienza a qualunque autorità che non sia espressamente delegata, espressamente controllata e periodicamente revocabile da coloro che ne debbono essere oggetto. Significa un ripudio inequivoco di ogni forma di violenza organizzata. Significa una diffidenza qualificata contro tutti coloro (di qualunque confessione) che vorrebbero farci credere che "il mondo va verso..."; e tanto più contro qualunque propaganda, che è l'arte di farci sentire quello che naturalmente non sentiremmo. E un rispetto spicciolo per la verità, e un disprezzo per la moralità a doppio metro ("se ammazzo io, è un moto storico, se ammazza l'altro, è un delitto"), e la convinzione ferma che il socialismo è un modo di vita, di cui non si può rinviare l'applicazione " al giorno in cui avremo vinto", e poi a quando sarà compiuta l'industrializzazione, e poi a quando " non avremo più nemici esterni ", e così ad infinitum. La vita è corta, e piuttosto tragica (al diavolo gli ottimisti!) e il socialismo è la speranza più alta che l'uomo abbia concepito, e quindi non è il caso (con l'aria di Apocalissi che tira) di liquidarla per via d'ufficio (Paolo Milano ad Antonio Giolitti, 9 giugno 1946)

Condividi

Facebook Twitter WhatsApp Telegram E-mail

Ultimi articoli della rubrica...

  • 31-01-2023
    Tempi di rancore

    Sul caso Cospito

    •••
  • 23-01-2023
    Pd, movimenti e sistema politico

    di Franco Astengo

    •••
  • 22-01-2023
    Le guerre del XXI secolo

    di Alberto Benzoni

    •••
  • 21-01-2023
    Qualcuno spieghi a Calenda...

    il "premierato" peggio del presidenzialismo

    •••
  • 08-01-2023
    L'unica cosa che so

    Allora come oggi

    •••
  • 12-12-2022
    La scoperta dell'ombrello

    Come è noto, l’ombrello è l’oggetto più infido che esista. Perché non ti accorgi mai di averlo smarrito. E non riesci mai a ritrovarlo. Perché lo prendi quando ci sarà il sole; dovendoti affidare poi al bengalese di turno nel caso contrario...

    •••
  • 08-11-2022
    Tre appelli per la parola "socialismo"

    Gli appelli e i testi che pubblichiamo in questa pagina sono accomunati, ci pare, dalla necessaria “rimessa in circolo” di una parola, socialismo, che è la necessaria ragion d’essere della nostra rivista. Ci pare quindi da una parte un indice della serietà della situazione politica attuale, dall’altra, finalmente, il segnale per ricominciare a ragionare non solo in termini di alternanza, ma anche, e soprattutto, di alternativa socialista. Per tutti coloro che vogliano ragionare in questa prospettiva, sono parti gli spazi del nostro sito e le colonne della nostra rivista.

    •••
  • 31-07-2022
    Rilanciare il tema dell’eguaglianza per la costruzione di un nuovo campo socialista

    Il risultato delle elezioni del 25 settembre, oltre alla conquista della destra, e poi anche del governo, da parte di FdI, è la rinascita della questione sociale. Ciò non può significare che un’altra occasione di ritorno definitivo del socialismo, perché laddove si impone la questione sociale c’è spazio, anzi bisogno, del socialismo. 

    •••
Archivio...