Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
 
 




The EU and Russia: From principle to pragmatism?

di Katinka Barysch

La sensazione dominante, osserva la studiosa, è che si sia in una fase di stallo nei rapporti bilaterali tra l’Unione e la Repubblica presieduta da Vladimir Putin; uno stallo che sembra frustrare entrambi i fronti della relazione. Ma da un’analisi approfondita delle relazioni extra-diplomatiche Ue-Russia, questa valutazione risulta non completamente giustificata.Ue e Russia, infatti, stanno procedendo a piccoli passi, lungo una via diversa, quella del pragmatismo, dai principi agli accordi su temi specifici. E secondo la ricerca del Cer, questo ha, nei fatti, segnato un progressivo ma sostanziale avvicinamento. Insomma se l’amicizia fondata sui “valori comuni” sembra oggi una strada assai poco praticabile, molto più efficace risulta lo scambio sul fronte dei reciproci interessi economici e strategici.

  “essere come noi” – scrive la Barysch – ovvero adottare il diritto e i valori europei. Ma già nel 2003 questa dottrina si dimostra fallace: con la sua burocrazia elefantiaca e la sua arbitraria attitudine verso le norme, anche se l’avesse voluto, difficilmente la Russia avrebbe davvero potuto condividere il linguaggio giuridico dell’Unione.

  all’estensione alla Russia degli accordi di cooperazione bilaterale in vigore per i nuovi stati-membri della Ue. Ma non solo: sono state fondate le basi anche per la costruzione di nuovi “spazi comuni” di cooperazioone, rilanciando l’istituzione di forme di più stretta collaborazione sui fronti della sicurezza e della difesa e mettendo in piedi un Consiglio permanente per le partnership commerciali nei settori dei trasporti, ambiente ed energia.

Infine, l’intensificazione della cooperazione sulla lotta al terrorismo che ha visto l’avvio di una collaborazione tra le forze di polizia russe e l’arma europea, l’Europol.

“Sembra – conclude la studiosa del Cer – che i progressi siano dovuti proprio al fatto che Ue e Russia hanno avuto il coraggio di dissentire, e nonostante le divergenze continuare a collaborare.”Il documento può essere consultato al sito del Cer

Link esterno: www.cer.org.uk/

Articoli correlati per tema/i:

Foresight [Policy Network]
Tony Blair Faith Foundation [The Office of Tony Blair]
My five ideas for Europe's future [Centre for European Reform]
Fabian New Year Conference [Fabian Society]
Europe in a multipolar world [Centre for European Reform]
Politica, Bce, inflazione, ed euro [Centre for European Reform]
Il Dissenso continua [Fondazione Craxi]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
Esiste davvero un’opposizione in Russia? [Center for Security Studies (CSS)]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
Russia's Apolitical Middle [Carnegie Endowment for International Peace]
European Choices for Gordon Brown [Centre for European Reform]
The EU-Russia-U.S. Triangle: Is the Center of Gravity Shifting? [Carnegie Endowment for International Peace]
Pakistan: Perception and Reality [Foreign Policy Centre]
“Dalla parte giusta della storia” [The German Marshall Fund]
What to expect from the German Presidency [Centre for European Reform]
Vision of a Liberal Europe [Centre for European Reform]
The Wealth Of The Nation [The Smith Institute]
Redefining Multilateralism [Foreign Policy Centre]
Turks in Europe [Foreign Policy Centre]
A New Deal for Social Europe [Foreign Policy Centre]
Altri temi: