Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



"DOBBIAMO RIPORTARE LA FIDUCIA"

Per fare il punto della situazione: gli enormi cambiamenti che avvengono nel mondo non possono essere una scusa per chi non ha una posizione o idee per il futuro. Al contrario: sono proprio gli enormi cambiamenti a richiedere una posizione stabile e chiara, affidabilità e continuità. Mi riferisco soprattutto alla politica; tanto più diventa complesso il mondo quanto più diventa importante che coloro che devono prendere le decisioni si assumano le proprie responsabilitá e che dimostrino le loro capacità di leadership, rappresentando le loro opinioni e principi e dando risposte in modo chiaro e ripercorribile. Solo così sará possibile creare certezza e affidabilitá in un mondo complesso, guadagnandosi fiducia nel tempoe coinvolgendo anche gli altri. Unicamente in questo modo sará possibile raggiungere gli obiettivi in modo costruttivo. Allo stesso tempo dobbiamo smettere di interpretare i cambiamenti nel nostro paese e nel mondo come minacce e accadimenti di portata storica. Piuttosto è vero il contrario: dobbiamo percepire ed accogliere i cambiamenti come chance e in generale rendere le persone più fiduciose verso questi cambiamenti.

IP:

Alcuni osservatori affermano di aver individuato recentemente una tendenza tedesca a mettersi
fuori dalla Unione europea e il pensiero di entrare in una globalizzazione solitaria. Siamo di fronte ad una nuova Großdeutschland?

Kohl:

Non credo proprio che in Germania qualcuno con delle responsabilit
à abbia lintenzione di seguire questa idea. Uno sguardo alla nostra storia ci ricorda che non possiamo permetterci unazione solitaria della Germania.

IP:

Gi
à nel 2010 nel giornale tedesco Bild, Lei aveva avvertito: Il nazionalismo nascente e la crescente ostentazione nazionalistica ostacolano lunificazione europea. A chi è rivolta in particolare questa affermazione?

Kohl:

Ai tedeschi, anche se con questa affermazione avevo in mente anche altri. Purtroppo
è vero, soprattutto i tedeschi devono riconoscersi inquesto avvertimento. Tenendo in considerazione la nostra ereditá storica e il suo significato, abbiamo una responsabilità particolare. 

Kohl:

Naturalmente ogni tanto avrei desiderato prendere decisioni più estese, sopratutto negli anni novanta in connessione allEuro e allunione politica. Ma se in quel periodo avessi insistito su tutto ciò che desideravo fare e consideravo necessario sul lungo periodo, non avremmo mai fatto quel passo in avanti con lEuropa che infine abbiamo fatto. Per esempio sono convintissimo che ancora oggi non avremmo lEuro. A questo scopo ho fatto dei tagli che ritenevo e ritengo ancora giustificabili. Considero lespressione errore di costruzione del tutto sbagliata. In questo ambito. È vero che non abbiamo raggiunto gli obiettivi come avremmo desiderato. Però abbiamo fatto il possibile e la direzione era giusta, questo è ciò che conta. Devo ammetterlo, il fatto che dopo il mio mandato lUE senza una vera ragione sia tornata indietro su questioni generali che avevamo giá risolto come il patto di stabilitá e la Grecia - e che non riesca a fare progressi, per giunta sotto la guida franco-tedesca, ha superato la mia immaginazione, e continua a farlo.

In breve: abbiamo raggiunto insieme gli obiettivi che potevamo raggiungere secondo le circostanze del momento, e anche osservando dalla prospettiva odierna si puó giudicare come unottima prestazione.

IP:
La rivoluzione del mondo arabo rappresenta la pi
ù grande sfida strategica per lEuropa, è paragonabile alla caduta del muro nel 1989? Quale strategia consiglia Lei per lEuropa?

Kohl:
Attualmente la pi
ù grande sfida per lEuropa è lEuropa stessa. LEuropa deve rendersi conto di avere una responsabilità per il resto del mondoe comprendere quale questa sia. Dobbiamo assolutamente smettere di perdeci nelle piccolezze e invece ricominciare a parlare come una unica voce. In nessun modo voglio negare la portata delle sfide della crisi finanziaria ed economica,le sfide sono immense ma ancora una volta anche nel passato abbiamo avute grandi sfide. Penso alla caduta del Muro nel 1998, a cui si Lei fa riferimento. Se in quel periodo avessimo reagito così debolmente, come alcuni fanno oggi, usando regolarmente superlativi per descrivere la situazione, sicuramente non avremmo mai raggiunto la riunificazione tedesca nel 1990. Le sfide esistono per essere affrontate e per essere risolte con coraggio e vogliadi fare. Questo valeva nel passato ed è valido ancora oggi, senza differenze. Adesso è necessario uscire dalla crisi con una linea chiara e mettere lEuropa in grado di reagire su altri temi, come peresempio la rivoluzione del mondo arabo, da Lei prima menzionata. Come ho già detto prima, non è la sfida più importante per lEuropa, ma si tratta comunque di una grande sfida strategica. Il nostro compito sará sostenere questi paesinel loro percorso verso la libertà, la democrazia e lo stato di diritto, per renderli capaci di aiutare se stessi. Non ci sará una soluzione generale che possa essere valida per tutti. Si può trattare solo di un sostegno ponderato che deve essere adatto alle esigenze dei singoli paesi. La mia raccomandazione é di esaminare e giudicare accuratamente fatti e provvedimenti. 

Kohl:
Per la Germania e l
Europa la priorità principale è assumere le proprie responsabilità insieme agli USA per tutto il mondo. Oltre a Russia, a Cina, Asia e il mondo arabo, esiste anche lAfrica di cui non dobbiamo dimenticarci, insieme a tutti i problemi e difficoltà presenti.

Anche a rischio di ripetermi, questa è la più importante priorità per la politica estera della Germania e dellEuropa: assumere la responsabilità per il mondo intero.

 

Data:





economia   usa   iraq   hamas   stati uniti   afghanistan   iran   india   blair   europa   medio oriente   ue   medvedev   critica sociale   ahmadinejad   bush   politiche sociali   diritti umani   sicurezza   energia   francia   russia   geopolitica   berlusconi   cultura politica   america   obama   cina   ambiente   clinton   occidente   mccain   nucleare   sarkozy   rubriche   storia   putin   brown   italia   siria   democrazia   israele   gran bretagna   onu   terrorismo   crisi   nato   labour