Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Il Flagello della politica europea della Merkel
di George Soros, Handelsblatt.com, 12 agosto 2011,

I mercati finanziari odiano l' incertezza ed è per questo che si muovono secondo modalità di crisi. I governi dell'euro-zona hanno fatto scelte per risolvere la crisi dell'euro, compiendo alcuni passi importanti nella giusta direzione, ma ovviamente non si sono fatti sufficienti progressi per calmare i mercati.

Nella riunione del 21 luglio i leader europei hanno avviato una serie di misure senza convinzione.

Hanno deciso per il nuovo Fondo europeo di stabilità finanziaria (EFSF) che sarà responsabile di affrontare i problemi di solvibilità dei singoli Stati responsabile. Ma non sono riusciti ad aumentare il suo volume di patrimonio. Così hanno perso credibilità.

Inoltre, il nuovo meccanismo sarà operativo non prima del mese di settembre. Fino ad allora, solo la Banca centrale europea può intervenire per evitare un crollo delle obbligazioni emesse dai diversi paesi europei.

La competenza del Fondo di Salvataggio ( EFSF ) è stata ampliato nel trattare la solvibilità d'intesa con le banche, ma i leader europei non riescono ad arrivare al punto di trasferire la supervisione bancaria completamente su una istituzione europea. Hanno offerto alla Grecia un pacchetto di salvataggio più ampio, ma senza dimostrare in modo convincente che questo salvataggio avrà successo. Uno solo degli obbligazionisti è entrato nel programma, ma saranno le banche che beneficeranno del finanziamento più della Grecia.

La più grande incertezza è causata da una situazione contraddittoria: ci sono paesi che pagano il salvataggio finanziario ricorrendo al diritto penale, ma non interessa molto. Altri paesi che non vogliono rimanere bloccati in tali procedure, continuano a soffrire gli elevati oneri finanziari. Spagna e Italia dovranno pagare uno dei più alti tassi di interesse per i prestiti propri, prestiti per se stessi come in Grecia. Poichè, tuttavia, tutto questo è molto poco ragionevole, aumenta il rischio che il meccanismo cada a pezzi.

I mercati finanziari hanno individuato questo problema e quindi portano il premio di rischio per le obbligazioni spagnole e italiane a livelli insostenibili. La situazione è sempre più insostenibile.

La Germania e gli altri membri dell'area dell'euro con valutazioni "AAA" devono quindi decidere se sono disposti a rischiare il loro credito al fine di rendere sostenibili gli interessi di Spagna e Italia. In caso contrario, Spagna e Italia sono destinate inesorabilmente ai programmi di soccorso.

In breve, la Germania e altri paesi con "AAA" di rating delle loro obbligazioni devono decidere di accettare qualsiasi tipo di regime fondato sugli Euro-bond. In caso contrario, l'euro collasserà.

La riluttanza tedesca ha aggravato la crisi in Grecia. Si dovrebbe tenere a mente che un disordinato fallimento nei pagamenti o il ritiro anche di un piccolo paese come la Grecia innescherebbe una crisi bancaria paragonabile a quella che ha causato la Grande Depressione.

La domanda non è più se una moneta comune vale la pena. L'euro esiste, e il suo collasso causerebbe perdite incalcolabili al sistema bancario. In Germania possono quindi essenzialmente solo prendere una decisione per il salvataggio, e più a lungo si ritarda, più costoso diventa.

La crisi dell'euro ha avuto la sua origine nella decisione del Cancelliere Angela Merkel, che il default di un Paese non è il default dell'Unione europea, poichè ognuno deve garantire il proprio paesi. E' stata, quindi, l'esitazione tedesca che ha intensificato la crisi greca e ha messo in circolo l'infezione, che si trasforma ora in una crisi esistenziale per l'Europa.

Solo la Germania può invertire le dinamiche di disintegrazione europea. Non è facile dopo che la Merkel ha interpretato l'umore del dell'opinione pubblica tedesca quando ha preso la sua decisione fatale. Il clima politico interno, da allora, è diventato ostile nei confronti di prestiti al resto d'Europa.

La Merkel è in grado di superare le resistenze politiche solo in momenti di crisi, e solo con piccoli passi. In realtà l'obiettivo successivo sarebbe un'estensione del Fondo di Salvataggio (EFSF), ma fino a quando ciò non accade, anche la Francia potrebbe, con un rating "AAA", essere a rischio.

Di fatto, fino al momento in cui la Germania non accetterà un regime 1-1 nel rapporto Euro - Eurobond, nonostante il suo rating "AAA", rimarrà in pericolo. L'unico modo in cui l'Europa può evitare questa trappola è quello di anticipare le reazioni dei mercati finanziari, piuttosto che aderire alla loro pressione dopo gli avvenimenti. Ciò richiederebbe un intenso dibattito, soprattutto in Germania, che, a causa del suo alto rating ed essendo la più grande economia in Europa, è costretta nella posizione di dover decidere il futuro del Continente.


George Soros, l'autore, è presidente del Soros Fund Management e dell'Open Society Institute.
 

Data:





mccain   storia   iran   israele   obama   crisi   blair   ambiente   italia   francia   rubriche   america   putin   cina   siria   ahmadinejad   nato   gran bretagna   russia   labour   brown   democrazia   clinton   economia   onu   cultura politica   medvedev   bush   occidente   berlusconi   nucleare   iraq   hamas   medio oriente   europa   geopolitica   ue   sicurezza   terrorismo   stati uniti   india   diritti umani   sarkozy   critica sociale   afghanistan   usa   energia   politiche sociali