Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Le piazze delle maggiori città iraniane sono in fermento. Divampa la protesta in seguito alla conferma di Mahmoud Ahmadinejad alla presidenza della Repubblica dopo un contestatissimo turno elettorale. Una protesta che ha suscitato la curiosità e la partecipazione di gran parte dell'opinione pubblica occidentale, soprattutto dopo la violenta repressione messa in campo dal governo di Teheran. Da più parti si è invocata una ferma presa di posizione dei governi europei e, soprattutto, di quello americano a sostegno di un'ondata contestataria e libertaria senza precedenti nella storia trentennale della Repubblica islamica.

Teheran, da parte sua, difende la regolarità del voto, minaccia, spara sugli oppositori e invita i governi stranieri a non intromettersi nelle proprie vicende interne. Mahmoud Mohammadzadeh, editorialista del popolare giornale Iran Daily, critica la mancanza di pragmatismo mostrata dagli americani, dai britannici e dagli altri europei, erroneamente convinti della natura rivoluzionaria delle manifestazioni post-voto. Nessuno deve illudersi; tutti gli iraniani, conservatori o riformisti che siano, desiderano conservare le istituzioni su cui poggia il Paese dal 1979 e rifiutano ogni interferenza indebita dall'esterno. Mir-Hossein Mousavi, il candidato riformista, non è una quinta colonna dell'Occidente, ma semplicemente un politico sconfitto che non si rassegna. Se qualche governo straniero crede di poter trarre beneficio dalla dialettica interna all'Iran commette un grosso errore e si incammina su un percorso accidentato e pericoloso. Così facendo, le relazioni bilaterali e i rapporti commerciali che legano l'Iran a molti paesi potrebbero essere messi seriamente in discussione (ogni riferimento al gas e all'Europa è puramente casuale…).

Mohammadzadeh prosegue ricordando i celebri casi di intromissione indebita nei processi elettorali nel mondo islamico, citando lo scetticismo americano davanti alla vittoria di Hamas nelle elezioni palestinesi del 2006 e il ribaltamento del voto in Algeria negli anni novanta, quando il governo locale annullò (con l'appoggio occidentale) le elezioni vinte dagli islamisti. L'editorialista non risparmia la comunità internazionale, accusata di colpire i movimenti islamici di liberazione attivi in Medio Oriente e supportati invece da Teheran.

Risulta peraltro discutibile la tesi del giornalista iraniano, quando addebita genericamente al mondo occidentale la responsabilità del massacro algerino (200.000 morti dopo l'annullamento del voto del 1991), causato piuttosto dalla cieca ferocia delle fazioni fondamentaliste anti-governative. Egli appare curiosamente reticente quando dimentica di spiegare cosa intenda per “movimenti di liberazione islamica”, ossia Hamas ed Hezbollah, organizzazioni sulla cui natura ci sarebbe molto da discutere.
 

Data:





crisi   usa   economia   clinton   labour   stati uniti   blair   nato   politiche sociali   nucleare   storia   medio oriente   iran   ue   brown   ambiente   terrorismo   medvedev   onu   rubriche   hamas   sarkozy   energia   iraq   russia   sicurezza   afghanistan   obama   bush   putin   occidente   india   mccain   gran bretagna   israele   francia   democrazia   critica sociale   geopolitica   berlusconi   cina   italia   diritti umani   cultura politica   europa   ahmadinejad   siria   america