Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Alesina osserva che servono interventi con effetti immediati e gli investimenti in tecnologie verdi non rispondono a questo requisito. E' inoltre dubbio che gli attuali pacchetti tinti di verde siano sufficienti a spingere le economie fuori dalla recessione. Quanto poi ai posti di lavoro che la green economy sarebbe in grado di creare nessuno ha dimostrato che sarebbero di più di quelli creati con investimenti “tradizionali”. L'estensore dell'articolo conclude con due esempi: 1) sarebbe suicida chiedere alla Cina di limitare la propria crescita perché troppo inquinante; che continui a consumare, si potrà dedicare all'ambiente dopo; 2) perché mascherare la volontà politica di aiutare l'industria dell'auto con finalità ambientali? i progetti per nuove auto elettriche o ibride non sono certo stati messi a punto oggi.

Qui si inseriscono le affermazioni di Alesina circa l'opportunità o necessità di rimandare al futuro – prossimo o lontano – l'attacco al problema energetico-climatico. Da scienziato qual è Alesina sa benissimo che il fenomeno dei cambiamenti climatici, dal Rapporto Stern all'ultimo rapporto dell'IPCC e oltre, è diventato sempre più preoccupante per i rischi e le conseguenze che comporta. Questo non era vero in passato, né nelle precedenti fasi recessive né tantomeno ai tempi della Grande Depressione. Da political economist qual è Alesina sa bene che, comportando i cambiamenti climatici benefici soprattutto per le generazioni future e costi soprattutto a carico delle generazioni attuali, il rischio di spostare continuamente in avanti provvedimenti e misure incisive a fronte di un ciclo politico-elettorale breve o brevissimo, è elevatissimo. E l'esperienza del recente passato, particolarmente quelle statunitense e italiana, confermano esattamente questo fatto.

 

Data:





italia   cina   sicurezza   diritti umani   hamas   putin   storia   labour   iran   iraq   francia   terrorismo   gran bretagna   onu   medvedev   nato   israele   stati uniti   india   europa   democrazia   rubriche   medio oriente   economia   clinton   usa   occidente   politiche sociali   mccain   brown   ue   ahmadinejad   nucleare   ambiente   bush   energia   geopolitica   cultura politica   russia   siria   obama   blair   berlusconi   critica sociale   afghanistan   america   sarkozy   crisi