Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



The Daily Star
A 'League of Democracies' or just an invitation to more wars?
Robert Skidelsky

Secondo il Senatore McCain la Lega delle Democrazie permette di formare grandi coalizioni con paesi che non fanno parte della Nato, per delle cause globali - come la lotta al terrorismo o l'intervento umanitario – garantendo la possibilità di agire anche senza  una preventiva approvazione dell'Onu. Ma questo, si osserva, significa marginalizzare Russia e Cina che oggi, proprio nell'Onu, trovano il luogo in cui esercitare la propria influenza politica sulle questioni globali. Strategicamente sarebbe un grande errore, poiché né la Russia né la Cina rappresentano una minaccia al mondo libero né è loro intenzione esercitare un'egemonia ideologica contraria ai principi democratici perseguiti in Occidente. Il rischio, allora, è che la Lega delle Democrazie alimenti una nuova Guerra Fredda nella quale tuttavia non sarebbe più così facile riconoscere chi sta dalla parte di chi e contro cosa.
 
The World Politics Review
The Cold War Analogy: Another Way With Iran
Jon B. Alterman

Il confronto tra Iran e Occidente ricorda per molti versi la vecchia Guerra Fredda. L'uso strategico delle risorse energetiche, lo scontro tra ideologie, l'influenza in aree di conflitto, come il Libano: questi gli elementi che più accomunano il mondo emerso dalla Seconda Guerra Mondiale a quello di oggi. Tuttavia, se la Guerra Fredda era soprattutto uno scontro tra potenze “razionali”, oltre che simili per capacità economica e politica, quello di oggi, tra Usa e Iran, è un conflitto tutt'altro che omogeneo: l'Iran non è una grande potenza, non è un regime razionale, e non ha la capacità di esercitare un'egemonia culturale paragonabile a quella degli Usa.
 
The Wall Street Journal
Iran's Troubling Opposition
Amir Taheri

Il Parlamento britannico ha appena deciso di inscrivere il People's Mujahedeen of Iran (MEK) nella lista nera delle organizzazioni terroristiche, nonostante una sentenza della Corte di Appello avesse stabilito che non vi sono prove per sostenere l'esistenza di legami tra l'organizzazione e il terrorismo. Il MEK è stato da sempre vicino alle Intelligence Occidentali ed Arabe, per le quali ha rappresentato una preziosa fonte di informazioni, tra le quali quelle sul progetto nucleare segretamente aviluppato a Teheran. Ma i paesi occidentali avrebbero fatto meglio a prestare maggiore cautela, poiché il MEK tutto è fuorché un'organizzazione democratica. Nato nel 1965 da una scissione interna al movimento Marxista-Leninista, il MEK promuove un'ideologia islamo-marxista che punta all'affermazione non di una democrazia ma di un regime Islamico “senza preti”.
 
Israel Insider
They're Dictators and Terrorists But What Clean Streets!
Barry Rubin

La vittoria di Hamas a Gaza non si deve tanto ad una radicalizzazione dei palestinesi nei riguardi di Israele, quanto alla disastrosa situazione lasciata dopo 35 anni al potere da Yasir Arafat: un sistema debole, corrotto, anarchico che, grazie agli appoggi internazionali, l'ex leader dell'Olp riusciva a mantenere in equilibrio. I palestinesi hanno scelto in Hamas il bravo amministratore, quello che Fatah aveva ampiamente dimostrato di non saper essere. In questo senso, il successo di cui ancora oggi gode Hamas a Gaza ricorda quello di Mussolini. Come il fascismo, anche Hamas è un movimento dittatoriale ma la gente è contenta di vedere finalmente le strade pulite, anche se il prezzo da pagare è la libertà.
 

Data:





geopolitica   israele   usa   energia   terrorismo   crisi   hamas   critica sociale   clinton   cina   economia   italia   stati uniti   siria   america   diritti umani   ue   labour   sarkozy   berlusconi   iraq   medio oriente   blair   nucleare   afghanistan   rubriche   democrazia   putin   francia   europa   gran bretagna   iran   sicurezza   ahmadinejad   brown   storia   medvedev   mccain   occidente   politiche sociali   obama   onu   cultura politica   ambiente   bush   india   russia   nato