Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



The New York Times
Fed Shifts Its Concern to Inflation
Louis Uchitelle

Il summit che ha impegnato per due giorni gli economisti della Federal Reserve si è concluso con la presa d'atto della persistente debolezza dell'economia americana. Inoltre, la Fed ha esternato le sue preoccupazioni per il livello dell'inflazione, che potrebbe così diventare il focus prioritario della sua attività nei prossimi mesi. Il rapporto ufficiale del massimo organo finanziario nazionale recita: “Per quanto il rallentamento nella crescita persista, esso pare attenuarsi, invece le previsioni relative all'inflazione indicano un probabile rialzo.” Il mercato dei futures (contratti a termine standardizzati per poter essere negoziati facilmente in Borsa) ha interpretato le dichiarazioni della Fed come un impegno ad innalzare i tassi d'interesse entro la fine dell'anno, o al più tardi nei primi mesi del 2009. L'obbiettivo è rendere il credito più oneroso in modo da ridurre la probabilità che la crescita sostenuta del prezzo del petrolio e dei generi alimentari possa colpire anche altri beni e servizi, con prevedibili ripercussioni sul potere d'acquisto dei consumatori.

 
The Wall Street Journal
The Fed at Ease

La Fed mantiene il tasso di interesse al 2%. Ciò significa che il governatore Ben Bernanke ed i suoi colleghi non hanno avuto il coraggio di passare risolutamente all'azione, mostrandosi indisponibili ad operare una stretta monetaria nel corso di un anno elettorale. L'unica novità di rilievo riguarda l'allarme inflazione. Era lecito attendersi di più. Intanto i prezzi al consumo salgono ed il dollaro rimane debole nei confronti dell'oro, del petrolio e dell'euro. Insomma, Bernanke ha fallito in quello che avrebbe dovuto essere il suo compito principale, ossia mantenere la stabilità dei prezzi e del dollaro. Egli potrebbe difendersi ricordando di aver agito  per impedire che la crisi del credito dei mesi scorsi, non ancora risolta, si trasformasse in una recessione globale. Ma non contrastando l'esplosione dei costi delle materie prime, la Fed ha imposto una enorme tassa all'economia mondiale. Non solo, così facendo ha messo in difficoltà le compagnie aeree, il mercato dell'automobile ed ha svilito il potere di acquisto degli americani. Bisogna cambiar rotta.

 

Data:





nucleare   usa   sarkozy   stati uniti   storia   economia   medvedev   onu   brown   iran   bush   obama   india   rubriche   clinton   ue   democrazia   geopolitica   energia   crisi   medio oriente   sicurezza   terrorismo   italia   ahmadinejad   cina   ambiente   berlusconi   diritti umani   israele   francia   critica sociale   blair   siria   nato   politiche sociali   russia   occidente   america   hamas   labour   gran bretagna   iraq   putin   cultura politica   afghanistan   mccain   europa