Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Le Figaro
Sortir de l'obsession institutionnelle
Pierre Rousselin


Per evitare che il “no” irlandese paralizzi l'Europa, i Ventisette non hanno altra scelta che continuare il processo di ratificazione, senza isolare l'Irlanda, in attesa che sia essa stessa a trovare la soluzione per riprendere il treno comune. Nel frattempo, l'Europa deve voltare pagina, abbandonando l'ossessione istituzionale per dedicarsi ad obbiettivi concreti. È necessario dunque assumere – subito – misure volte a proteggere i cittadini dal rincaro dei prezzi per fornire loro risposte ai problemi che oggettivamente incidono sulla loro vita quotidiana.
 
The Guardian
From treaty to entreaties

La Ue ha innanzi a sé sfide internazionali che solo l'unità tra i paesi può permettere di affrontare: dalla politica energetica verso la Russia alla strategia commerciale con la Cina sino alla normalizzazione del Medio Oriente. Questo significa che la semplice cooperazione tra gli stati non è più sufficiente. Sono  necessarie istituzioni multilaterali forti. E cos'altro è l'Unione Europea se non un organismo multilaterale? Si deve cominciare a prendere in considerazione un metodo operativo diverso: invece di un unico trattato, tanti mini-trattati “a tema” o una procedura  che permetta ai piccoli paesi di portare avanti le riforme senza doversi impegnare in un contratto omnicomprensivo.
Mandelson to blame for Irish EU 'no' vote, Sarkozy says

Se c'è una responsabilità della Commissione europea nel “no” irlandese, non va cercata nel presidente Barroso ma in Peter Mandelson. Così Sarkozy ha accusato il Commissario al Commercio estero di aver contribuito con la sua politica ultraliberale ad aumentare le preoccupazioni dei cittadini irlandesi. Getta acqua sul fuoco il Ministro degli Esteri britannico, David Miliband che definisce una “battuta” la dichiarazione rilasciata da Sarkozy nella conferenza stampa a conclusione della prima giornata del vertice di Bruxelles.

 
Le Monde
Les identités troublées des Européens
Thomas Ferenczi

Il progetto europeo in Francia è da sempre preda di quattro pulsioni ideologiche critiche. L'eurofobia dell'estrema destra, che difende l'idea di “nazionalismo chiuso” dal quale derivano i sospetti per i fenomeni immigratori e la paura per l'islamizzazione. Il sovranismo repubblicano che, a destra e a sinistra, difende la nazione come luogo esclusivo della democrazia. Il “localismo rurale” che combatte l'Europa in nome di un localismo di stampo regionalista e paesano. E l'anti-lberismo no-global che rigetta la logica della mercificazione. Questi stessi fenomeni indicati, per la Francia, in una recente pubblicazione del Cevipof (centro studi della vita politica francese) sono presenti, sotto forme diverse, in molti altri paesi europei per nutrire la diffidenza per un'Europa accusata di sacrificare gli interessi dei popoli.
 
Europe's World
Why EU and US geopolitical interests are no longer the same
David P. Calleo

America ed Europa non saranno mai destinate a marciare fianco a fianco poiché le due principali potenze economiche globali incarnano un antagonismo strutturale che si fonda sulla competizione di interessi. Il legame transatlantico, in una prospettiva geopolitica, non è dunque destinato a durare, anche nella condizione di un'alleanza, politica o strategica. Come osservava un giovane De Gaulle, negli Anni 20, “è probabile che l'attuale equilibrio tra le potenze rimanga invariato finché i piccoli non vorranno diventare grandi, i forti dominare i deboli e i vecchi continuare a vivere.”
 

Data:





brown   occidente   bush   india   putin   obama   rubriche   sicurezza   politiche sociali   cina   stati uniti   labour   berlusconi   medio oriente   siria   usa   hamas   italia   ahmadinejad   terrorismo   iraq   america   sarkozy   diritti umani   nato   blair   nucleare   critica sociale   medvedev   economia   ue   storia   onu   ambiente   israele   gran bretagna   democrazia   iran   energia   russia   cultura politica   europa   clinton   afghanistan   geopolitica   francia   mccain   crisi