Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Editoriale
 
 


PRESIDENZIALI USA: ELEZIONI LOCALI, INTERESSE GLOBALE

Nella notte del 3 gennaio inizia ufficialmente la corsa alla Casa Bianca. Critica Sociale seguirà periodicamente l'esito della competizione con aggiornamenti ed analisi, riservando un doveroso spazio al punto di vista dei media e dei commentatori americani

Data: 0000-00-00

LA NOTTE DELL'IOWA 



BLOOMBERG?
Il sindaco di New York Michael Bloomberg starebbe valutando la possibilità di candidarsi alla testa di un terzo partito. Nella storia recente non è difficile rintracciare esempi di come i candidati indipendenti siano riusciti ad incidere sull'esito del voto. Nel 1992 il miliardario Ross Perot danneggiò gravemente le chances di rielezione di Bush padre, sconfitto infatti da Bill Clinton. Nel 2000 il "verde" Ralph Nader determinò probabilmente la sconfitta di Al Gore, avvantaggiando George W. Bush.
Secondo il New York Times, il miliardario Bloomberg non renderà nota la sua decisione prima di febbraio. Nel frattempo, vale la pena seguire le sue mosse. Domenica presenzierà ad un meeting presso l'Università dell'Oklahoma, a cui parteciperanno esponenti democratici e repubblicani, e nel corso del quale verranno avanzate richieste politiche ai candidati dei due partiti maggiori.
Bloomberg è un repubblicano dal profilo moderato, motivo per il quale non è facile immaginare chi e in che misura potrebbe danneggiare con una sua candidatura. Egli conta inoltre su enormi disponibilità economiche da riversare in un'eventuale campagna e tali da superare i fondi di ogni altro competitor. Per assicurarsi due mandati come sindaco della Grande Mela, nel 2001 e nel 2005, ha infatti sborsato di tasca propria 160 milioni di dollari.

 
Robert Novak, il columnist di lunga data del giornale conservatore Human Events, dopo aver analizzando l'andamento dei sondaggi nelle ultime settimane di dicembre e considerato la forza e la strutturazione dei comitati elettorali dei vari leaders nell'Iowa, sentenzia:
Per quanto riguarda i democratici, Hillary Clinton, tuttora favorita a livello nazionale, patirà quasi certamente una sconfitta all'esordio. A superarla non solo Barack Obama, ma anche, come secondo piazzato, John Edwards. Obama dovrebbe conquistare il primo posto, anche se molti dei suoi sostenitori temono un nuovo “Effetto Dean”. Quest'ultimo, favorito alla vigilia delle primarie 2004 nel campo democratico, subì una rovinosa sconfitta nell'Iowa. La prima di una lunga serie che pregiudicò le sue chances di nomination.
http://www.humanevents.com/article.php?id=24241
 
 

Siamo dunque alla fine dell'Era Conservatrice? I segnali paiono esserci. Le elezioni del novembre prossimo, le prime dal 1928 senza un incumbent (né presidente, né vicepresidente uscenti), potrebbero entrare nella storia come turning points politico-culturali. Nel 1894 la vittoria dei repubblicani alle legislative aprì la strada alle presidenze di McKinley, Theodore Roosevelt e Taft, che avrebbero inaugurato l'Era Progressiva. Nel 1932 il trionfo di Franklin Delano Roosvelt lanciò il New Deal ed un dominio democratico che sarebbe durato, quasi ininterrottamente, fino al 1968. Nel 1980 l'inaspettata vittoria a valanga di Reagan inaugurò l'Era Conservatrice che sembra oggi volgere al termine.

 





hamas   sarkozy   cultura politica   nucleare   russia   francia   usa   terrorismo   obama   blair   labour   putin   brown   italia   medio oriente   storia   india   nato   bush   diritti umani   mccain   politiche sociali   ahmadinejad   berlusconi   iran   sicurezza   ambiente   onu   iraq   rubriche   stati uniti   ue   clinton   medvedev   afghanistan   geopolitica   gran bretagna   cina   energia   crisi   democrazia   occidente   israele   critica sociale   europa   america   economia   siria