Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
Agenda LibLab - Giuliano Amato
foto Il debito totale Ŕ di 30.000 euro a testa. Abbatterne un terzo (10.000 euro) da parte dei pi¨ ricchi, aprirebbe la via alla crescita
METTERSI AL RIPARO
DALLA SPECULAZIONE


“L’Italia dice di non aver bisogno di essere garantita, ed è vero perchè ha un alto risparmio ed un basso debito privato. Cosa vuol dire? Che in qualche modo l’Italia è in grado di pagarsi il debito, c’è liquidità. E perchè non comincia a ripagarlo, visto che ha tutto questo risparmio e così poco debito privato? L’Istat ha detto che il nostro debito totale ammonta a circa 30.000 euro per italiano. Non è così gigantesco. Un terzo di questo debito abbattuto metterebbe l’Italia in una zona di assoluta sicurezza. Un terzo significa, probabilmente, imporre ad un terzo degli italiani, teoricamente, di pagare un terzo dei 30.000. E’ così spaventoso spalmare tra chi ha di più, rispetto a chi ha di meno 10.000 euro, per risolvere un problema nazionale che si dichiara così grave? Nessuno, nemmeno la sinistra ha il coraggio di sostenere una simile proposta”.

Lo ha detto Giuliano Amato nel corso del convegno promosso dalle Nuove Ragioni del Socialismo, la rivista diretta da Emanuele Macaluso, e dalla Ebert Stiftung, la fondazione della socialdemocrazia tedesca sui “Socialdemocratici nell’Europa in crisi”. L’intervento dell’ esponente socialista, già presidente del Consiglio, è ripreso nel nuovo numero della rivista Critica Sociale.

Numerose le presenze di relatori internazionali all’iniziativa voluta da Emanule Macaluso (che ha concluso i lavori)  tra i quali H.Meyer (London school of Economics), J-C. Cambadeis (responsabile per il PS francese dei rapporti internaionali), F.Hoffer (Labour University), H.Joebges (Technische Universitat, Berlino), M.Mc Ivor (Renewal), C.Belfrage (Queen Mary College, University of London) e I.Bouvet (Fontation Jean-Jaures).

Tra gli italiani presenti, oltre a Giuliano Amato, sono intervenuti nella discussione Pia Locatelli (presidente dell’Internazionale socialista Donne), Paolo Franchi, P. Borioni (Sapienza di Roma), E.Landoni (Statale di Milano).

“Se il Consiglio europeo di metà dicembre - ha ammonito Amato -  non riuscirà a rimettere al centro dell’attenzione, al fianco delle politiche di aggiustamento finanziario e fiscale, le politiche per la crescita, ecco, arriveremo ad un passo dal rischio di desertificazione di tre quarti dell’Europa. Che danneggerà la stessa Germania, la quale ha bisogno di noi: basta guardare i dati sul commercio internazionale tedesco per vedere che i più grandi compratori sono la Cina e gli “sciagurati” Paesi meridionali dell’Europa che tanto fanno irritare il contribuente tedesco. 

Bisogna arrivare a capirsi, bisogna veramente arrivare a capirsi.

Insomma, noi tutti abbiamo aderito a questa visione del “prima di tutto l’aggiustamento” che la Germania ha portato avanti in questi mesi. Non sarò io a negarlo.

Però attenzione! Non possiamo trattare allo stesso modo Paesi i cui conti pubblici sono saltati per politiche domestiche irresponsabili, e  Paesi nei quali i conti pubblici stanno saltando perchè sono stati assorbiti dal debito pubblico, i debiti privati. Insomma, c’è poco da fare: il debito irlandese è arrivato al 30 per cento perchè si sono salvate delle banche.

Ma allora chiariamoci le idee per il futuro - ha concluso -  Cosa è meglio? Che non fallisca nessuna banca e che fallisca un intero Paese, oppure che fallisca ogni tanto una banca, ma non fallisca un intero Pese? L’esperienza che stiamo facendo è proprio questa”.



www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano