Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 




Il Mito dell’elettore razionale

Perché le democrazie scelgono la politica peggiore

spregiudicato economista, professore alla George Mason University nonché ricercatore associato presso il Cato Institute. Caplan ha appena pubblicato per il Cato un estratto dal suo recente The Myth of the Rational Voter: Why Democracies Choose Bad Policies (Princeton University Press, 2007). In genere, il paradosso democratico viene attribuito a due fenomeni, in particolare: l'influenza degli interessi particolari e l'ignoranza dell'elettore. La tesi di Caplan è che se la democrazia fallisce ciò è dovuto al fatto che l'elettore è qualcosa di più che “ignorante”. Esso è piuttosto un soggetto “irrazionale” ed irrazionale sarà pertanto la sua scelta di voto. Piuttosto che guardare all'elettore come ad un'entità priva degli strumenti di conoscenza necessari a compiere consapevolmente le scelte democratiche, second Caplan l'elettore agisce in piena consapevolezza, solo che tale consapevolezza risulta guidata non da una conoscenza oggettiva delle questioni ma da una serie di interpretazioni spesso distorte della realtà del problema.“La politica economica – scrive l'autore – è la principale attività di uno stato moderno. Eppure se c'è un tema sul quale il grande pubblico dimostra di avere le idee più confuse, è proprio l'economia.”
Alla gente, sembra di capire, non percepisce la “mano invisibile” del mercato, ovvero quel sistema nascosto di forze che permettono di armonizzare la tensione tra profitto privato e pubblico interesse. È, questo, quello che Caplan definisce “il pregiudizio anti-mercato”, ovvero il disconoscimento dei benefici dell'interazione – esattamente come avviene in quanti, pregiudizialmente, pongono riserve nei confronti dell'apertura del proprio paese ai cittadini stranieri.
Tale pregiudizio, suggerisce Caplan, si fonda sul fatto di associare il concetto “ricchezza” non alla produzione ma all'occupazione. Questo presupposto “laburista”, tuttavia, determina un atteggiamento pessimista rispetto all'economia di cui si giudicano negativamente le condizioni e si ritiene che quelle condizioni siano destinate solo ad aggravarsi.
Cato Institute.






Articoli correlati per tema/i:

The Terrorism Index [Center for American Progress]
Foresight [Policy Network]
Tony Blair Faith Foundation [The Office of Tony Blair]
Towards a Palestinian State [The Office of Tony Blair]
Fabian New Year Conference [Fabian Society]
Il Dissenso continua [Fondazione Craxi]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
“Ammiro la democrazia americana” [Brookings Institution]
Esiste davvero un’opposizione in Russia? [Center for Security Studies (CSS)]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
A New Social Contract [Brookings Institution]
Reshaping the world of work and retirement [Social Market Foundation]
Russia's Apolitical Middle [Carnegie Endowment for International Peace]
The EU-Russia-U.S. Triangle: Is the Center of Gravity Shifting? [Carnegie Endowment for International Peace]
La Convergenza Strategica tra Russia e Cina [Norwegian Institute of International Affairs (NUPI)]
Pakistan: Perception and Reality [Foreign Policy Centre]
“Dalla parte giusta della storia” [The German Marshall Fund]
Developing New Leaders [Brookings Institution]
The Future of Russian Energy Policy [Brookings Institution]
Governance - made in Africa [European Policy Centre]
Globalisation and war [Chatham House]
Altri temi: