Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
 
 




Balochis of Pakistan: On the Margins of History


I Baloci, come i Curdi, sono una comunità priva di uno Stato sovrano. Sono vittima della politica coloniale del XIX secolo, che ne ha imposto la separazione in tre stati: India, Iran e Afghanistan.

Il lavoro introduce il temai spiegando come l’unico tentativo da parte dei Baloci di ottenere l’independenza, risalga alla fine degli Anni 20, con la separazione tra India e Pakistan. Ma quei primi timidi passi vennero annientati dalla storia, innanzitutto, quindi dalla nuova leadership pakistana che, come i predecessori imperialisti, impose l’annessione al Pakistan della regione in cui i “separatisti” erano insediati, il Khanake.

Tuttavia, è proprio la stretta autoritaria che ha alimentato la fiamma della resistenza, consentendo ad una leva di giovani leader di rianimare la passione irredentista che, oggi, rilevano gli analisti di FPC. Sta emergendo, infatti, un rinnovato senso di coscienza nazionale e, mai come ora, la comunità sta acquistando visibilità sugli scenari internazionali. Nonostante alcune criticità interne, per la comunità dei baloci, si sostiene nel paper, l’indipendenzaPerché però la causa dei Baloci possa realisticamente affermarsi, notano gli autori, servono una leadership esemplare, una strategia di lungo periodo e le risorse necessarie a mantenere vivo il movimento.

 



Link esterno: fpc.org.uk/
Articoli correlati per tema/i:

The Terrorism Index [Center for American Progress]
Foresight [Policy Network]
Tony Blair Faith Foundation [The Office of Tony Blair]
Towards a Palestinian State [The Office of Tony Blair]
TONY BLAIR: "ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA" [The Office of Tony Blair]
Fabian New Year Conference [Fabian Society]
Europe in a multipolar world [Centre for European Reform]
Il Dissenso continua [Fondazione Craxi]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
“Ammiro la democrazia americana” [Brookings Institution]
Esiste davvero un’opposizione in Russia? [Center for Security Studies (CSS)]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
Russia's Apolitical Middle [Carnegie Endowment for International Peace]
The EU-Russia-U.S. Triangle: Is the Center of Gravity Shifting? [Carnegie Endowment for International Peace]
La Convergenza Strategica tra Russia e Cina [Norwegian Institute of International Affairs (NUPI)]
Pakistan: Perception and Reality [Foreign Policy Centre]
“Dalla parte giusta della storia” [The German Marshall Fund]
Ending Oil Dependence [Brookings Institution]
The Future of Russian Energy Policy [Brookings Institution]
Redefining Multilateralism [Foreign Policy Centre]
Next Attack [Foreign Policy Centre]
Governance - made in Africa [European Policy Centre]
Globalisation and war [Chatham House]
Brookings Global Executive Forums [Brookings Institution]
Altri temi: