Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 




Will China Help Prevent or Provoke Conflict in Africa?


Si è tenuto martedì 27 marzo l’incontro organizzato a Londra dal Foreign Policy Centre e dall’Associazione Never Again sulle conseguenze determinate dal recente infittirsi della presenza cinese in Africa.

Africa Confidential, il più autorevole bimestrale dedicato alle questioni del Continente nero. Il dibattito ha preso le mosse dall’analisi dell’attuale condizione dei paesi africani che dopo cinquant’anni di indipendenza politica e di sostegno fattuale dei paesi occidentali allo sviluppo delle ecnomie locali, sono ancora nella morsa della violenza tribale, dei conflitti etncici, permanendo in una disarmante povertà e condizione di sottosviluppo.

Ma la Cina non è un attore banale della grande rappresentazione capitalistica globale, ma un personaggio in cerca di quell’autore che sappia al meglio raccontarne grandezza attuale e potenzialità future. In Cina, sviluppo economico e politico procedono non necessariamente all’unisono e là dove il primo sembra azzeccare tutte le scorciatoie per raggiungere le teste di ponte del capitalismo globale, sulla politica pesano un’asfissiante illiberalità e la cappa dell’oppressione.

Molti gli spunti di riflessione proposti al seminario londinese. Tra le questioni poste sul tavolo, le conseguenze dell’approccio che contraddistingue le politche economiche cinesi. Ci si è chiesti, in particolare, se questo potrà sedare o, al contrario, alimentare le attuali tensioni e i conflitti africani.

 Particolarmente interessanti le notazioni di Stephanie T. Kleine-Ahlbrandt la cui collaborazione con il Council on Foreign Relations si svolge nel corso dell’anno sabbatico con cui la studiosa ha trasnistoriamente sospeso la propria attività principale, presso L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, in cui è responsabile dei progetti messi in cantiere dalla Divisione Asia.

Naturalmente qui si pone un grande spazio per i paesi occidentali, non solo in virtù delle responsabilità storiche nei confronti dei paesi africani ma anche per la grande opportunità rappresentata da una vera prospettiva di sviluppo del continente.





Link esterno: fpc.org.uk/
Articoli correlati per tema/i:

TONY BLAIR: "ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA" [The Office of Tony Blair]
Ricodando Bruno Leoni [Istituto Bruno Leoni]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
A New Social Contract [Brookings Institution]
Reshaping the world of work and retirement [Social Market Foundation]
Di che liberalizzazioni parliamo? [Istituto Bruno Leoni]
Troppe tasse. Ma vantaggio di chi? [Istituto Bruno Leoni]
Tra tradizione e innovazione: il caso Mirafiori [Centro di Formazione Politica]
Economia e società aperta [Economia e Società Aperta]
Over to you, Mr Brown [Policy Network]
The Wealth Of The Nation [The Smith Institute]
Fiscal Policy in Broad Economic Strategy [Social Market Foundation]
Limits to privatisation [European Policy Centre]
The Hamilton Project [Brookings Institution]
Altri temi: