Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 




Equality: a political choice

Flexicurity, la risposta europea alla globalizzazione


In “Equality: a political choice” – curato per Policy Network da un giovane ricercatore della Lse, Sotirios Zartaloudis – si analizzano i dati di Europa e Usa, si ricostruiscono i trend degli ultimi decenni, si registrano le inversioni risalnedo ai fattori che le hanno determinati, e si conclude che le diseguaglianze diminuiscono quando i governi realizzano politiche sociali mirate, creando quel mix di sicurezza e flessibilità che permette di conciliare competitività e stabilità.

Lo studio è stato presentato in occasione della conferenza internazionale “Globalisation, Risk and Inequality: Towards a Dynamic Approach to Sustainable Growth”, organizzata a Bruxelles, dal think tank preseduto dal Commissario europeo, Peter Mandelson, lo scorso 5 dicembre.

L’Europa delle diseguaglianze, mappata nella ricerca di Policy Network, offre allora spunti di riflessione che i policymaker europei non dovrebbero ignorare. 

Per quanto ci riguarda, l’Italia si piazza al settimo posto nella non lusinghiera classifica dei paesi europei più diseguali, subito dopo la Grecia e subito prima del Regno Unito, un risultato invero deludente per il paese governato dal New Labour all’insegna del principio delle’eguaglianza delle opportunità. 

“Contrariamente a quanti ritengono che le ineguaglianze siano l’inevitabile conseguenza della differenza naturale tra i talenti e le capacità individuali – si legge ancora – riteniamo che gli alti livelli di diseguaglianza che registriamo oggi non siano fenomeni “naturali” ma che, al contrario, possano essere considerevolmente ridotti dall’azione dei governi nazionali. Pertanto – si continua – contrariamente al determinismo economico dell’equilibrio del libero mercato, noi sosteniamo che il livello di diseguaglianza sia innanzitutto il frutto delle scelte politiche compiute dai governi nazionali.”

“Equality: a political choice” può essere consultato in versione integrale sul sito di Policy Network.






Articoli correlati per tema/i:

Foresight [Policy Network]
Tony Blair Faith Foundation [The Office of Tony Blair]
TONY BLAIR: "ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA" [The Office of Tony Blair]
My five ideas for Europe's future [Centre for European Reform]
Fabian New Year Conference [Fabian Society]
Europe in a multipolar world [Centre for European Reform]
Politica, Bce, inflazione, ed euro [Centre for European Reform]
Ricodando Bruno Leoni [Istituto Bruno Leoni]
Il Dissenso continua [Fondazione Craxi]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
Esiste davvero un’opposizione in Russia? [Center for Security Studies (CSS)]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
A New Social Contract [Brookings Institution]
Reshaping the world of work and retirement [Social Market Foundation]
Di che liberalizzazioni parliamo? [Istituto Bruno Leoni]
Russia's Apolitical Middle [Carnegie Endowment for International Peace]
European Choices for Gordon Brown [Centre for European Reform]
The EU-Russia-U.S. Triangle: Is the Center of Gravity Shifting? [Carnegie Endowment for International Peace]
Troppe tasse. Ma vantaggio di chi? [Istituto Bruno Leoni]
Pakistan: Perception and Reality [Foreign Policy Centre]
Tra tradizione e innovazione: il caso Mirafiori [Centro di Formazione Politica]
“Dalla parte giusta della storia” [The German Marshall Fund]
Economia e società aperta [Economia e Società Aperta]
Altri temi: