Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 




Politica, Bce, inflazione, ed euro

I liberisti inglesi contro Sarkozy

Il Presidente francese, preoccupato per le conseguenze economiche del caro-Euro sulla capacità competitiva delle imprese nazionali europee, ha infatti come è noto sostenuto la necessità di riportare nell’alveo della decisione politica le scelte di politica valutaria attualmente governate dall’istituto bancario centrale.

“L’euro forte – scrive lo studioso - ha portato indubbi benefici ai paesi della moneta unica, avendo abbassato i prezzi delle importazioni ed aumentato il potere d’acquisto dei consumatori”. Contrariamente a quanto sostenuto da Sarkozy, quindi, la forza acquisita dalla valuta europea avrebbe, in realtà, ridotto e non aumentato l’inflazione, consentendo inoltre alla Bce di mantenere i tassi di interesse al di sotto delle attese.

Le accuse contro la Bce, infatti, sarebbero infondate dal momento che una banca centrale non può occuparsi, contemporaneamente, del tasso di inflazione e del tasso di cambio.

Analogamente infondato sarebbe l’invito lanciato da Sarkozy alla volta della più grande economia del mondo, gli Usa, ad assumersi la propria responsabilità rispetto al controllo dei tassi valutari. Anche qui, secondo Whyte, Sarkozy sarebbe fuori strada.

No, questa non sarebbe stata affatto una scelta sensata, sostiene l’autore, che ricorda inoltre come il dollaro sia andato perdendo valore a causa della necessità da parte degli Usa di attrarre il capitale necessario a finanziare il deficit della propria bilancia di pagamento.


Le economie asiatiche vogliono mantenere basso il valore delle proprie valute sia per garantire al piatto delle esportazioni di pesare più di quello dell’import e, in secondo luogo, per scongiurare una nuova crisi dei tassi di cambio, come quella che nel 1997 colpì i paesi dell’Est asiatico. Da qui, la scelta di tutelarsi, accumulando ingenti riserve di valuta straniera.
E il costo dell’attuale sbilanciamento valutario comincia a pagarsi sul piano politico, come dimostrano le tensioni montanti in Europa e le contromisure che, da Sarkozy fino al Commissario europeo al Commercio, Peter Mandelson, cominciano a paventarsi. L’Europa infatti rischia di non poter più far fronte alle legittime richieste di intervenire minacciando restrizioni sui mercati, da parte dei paesi membri più colpiti dal caro-Euro, qualora la Cina non decidesse di cambiare la propria politica monetaria.
Il testo integrale dell’articolo può essere consultato online sul sito del




Articoli correlati per tema/i:

Foresight [Policy Network]
Tony Blair Faith Foundation [The Office of Tony Blair]
My five ideas for Europe's future [Centre for European Reform]
Fabian New Year Conference [Fabian Society]
Europe in a multipolar world [Centre for European Reform]
Politica, Bce, inflazione, ed euro [Centre for European Reform]
Il Dissenso continua [Fondazione Craxi]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
Esiste davvero un’opposizione in Russia? [Center for Security Studies (CSS)]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
Russia's Apolitical Middle [Carnegie Endowment for International Peace]
European Choices for Gordon Brown [Centre for European Reform]
The EU-Russia-U.S. Triangle: Is the Center of Gravity Shifting? [Carnegie Endowment for International Peace]
Pakistan: Perception and Reality [Foreign Policy Centre]
“Dalla parte giusta della storia” [The German Marshall Fund]
What to expect from the German Presidency [Centre for European Reform]
Vision of a Liberal Europe [Centre for European Reform]
The Wealth Of The Nation [The Smith Institute]
Redefining Multilateralism [Foreign Policy Centre]
Turks in Europe [Foreign Policy Centre]
A New Deal for Social Europe [Foreign Policy Centre]
Altri temi: