Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 




Di che liberalizzazioni parliamo?

Dal gas alle Tl, l’economia liberalizzata secondo il nuovo Indice di IBL

A che punto sono le liberalizzazioni in Italia? Divenute sin dall’insediamento del Governo Prodi, una specie di termometro della febbre riformista del centro-sinistra al Governo, i provvedimenti di liberalizzazioni si sono presto trasformati in chimere politiche se non addirittura in un vero e proprio emblema della politica degli “annunci” che ha accompagnato i primi 12 mesi di attività dell’esecutivo.
Il Ministro Bersani ha ormai rinunciato alla “lenzuolata” salvifica promessa agli esordi della sua carriera ministeriale. I tanti cmpromessi raggiunti sul provedimento hanno infatti finito con lo svuotare il significato giudicato invece necessario per liberare la società e l’economia italiane dalle tante ancore che la inchiodano ancora al terreno del privilegio, della connivenza irresponsabile e delle opportunità negate.
Se il Presidente dell'Antitrust Antonio Catricalà parla di “liberalizzazioni in stallo", tocca ora al Bruno Leoni interrogarsi su “dove” il processo si è fermato e “perché” la libertà di mercato non è un concetto così popolare neppure nei centri nevralgici dell'economia italiana.
Per fare il punto della situazione, e offrire un ancoraggio più saldo al dibattito sulle liberalizzazioni, l'IBL ha quindi elaborato un "Indice delle liberalizzazioni".
Il documento – il primo sinora realizzato dal think tank diretto da Alberto Mingardi -  esamina in dettaglio lo stato delle libertà economiche nei mercati del gas, dell'energia, delle tlc, nel lavoro, nelle professioni, nelle poste, nei trasporti aereo e ferroviario.
L'Indice delle liberalizzazioni 2007 sarà presentato il prossimo 12 luglio, a Milano, a partire dalle ore 18, in una conferenza a Palazzo Clerici. L'evento, promosso in collaborazione con Google Italia, sarà aperto da Andrea Salvati (Google) e Carlo Stagnaro (Istituto Bruno Leoni), e vedrà la partecipazione di un nutrito parterre di politici (Franco Bassanini, Giampiero Cantoni, Gennaro Migliore, Maurizio Sacconi) e uomini d'impresa (Leonardo Bellodi, Eni; Francesco Giordano, UniCredit Group; Alberto Marras, Fondiaria Sai; Roberto Mazzotta, Banca Popolare di Milano; Simone Mori, Enel).
Tema della discussione, ad un anno dal primo Decreto Bersani che ha aperto il dibattito su queste questioni anche in Italia, sarà "Liberalizzazioni: cosa resta da fare?".
In quell’occasione, inoltre, l'Istituto Bruno Leoni distribuirà un "Policy Paper" di analisi dei provvedimenti sulle liberalizzazioni del governo Prodi e presenterà al pubblico anche il nuovo sito www.liberalizzazioni.
Tutte le info sul sito di .






Articoli correlati per tema/i:

TONY BLAIR: "ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA" [The Office of Tony Blair]
Ricodando Bruno Leoni [Istituto Bruno Leoni]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
A New Social Contract [Brookings Institution]
Reshaping the world of work and retirement [Social Market Foundation]
Di che liberalizzazioni parliamo? [Istituto Bruno Leoni]
Troppe tasse. Ma vantaggio di chi? [Istituto Bruno Leoni]
Tra tradizione e innovazione: il caso Mirafiori [Centro di Formazione Politica]
Economia e società aperta [Economia e Società Aperta]
Over to you, Mr Brown [Policy Network]
The Wealth Of The Nation [The Smith Institute]
Fiscal Policy in Broad Economic Strategy [Social Market Foundation]
Altri temi: