Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 




Russia's Apolitical Middle

Perchè, in Russia, la classe media non vota?

Washington Post” del 4 giugno scorso,   al punto da ignorare la vita democratica nazionale. Non che sia contenta di Putin o dello stile di Governo imposto al Cremlino. No, semplicemente sembra indifferente alla vita politica, incurante dell’arbitrarietà del diritto e delle pecche democratiche del regime repubblicano.
“Il gruppo di reddito medioUna ragione di tale fenomeno risiede, secondo le analisi sociali, nella sfiducia verso le prassi democratiche russe. Se la classe media non vota, quindi, non è perché sia contenta del governo che ha ma perché sa bene che il controllo politico sui processi democratici è ormai talmente pervasivo da rendere vana la partecipazione incondizionata dell’elttorato.
A differenza della controparte in Occidente, dove l’inadeguata rappresentazione porta la classe prevalente a rivendicare uno spazio politico nelle istituzioni democratiche, la classe media russa non ha interesse a partecipare alla politica. almeno finchè la politica  pretendono invece dalla propria classe politica.”
Oltre la metà della classe media, inoltre, è composta da dipendenti pubblici e, in vista delle prossime presidenziali, Putin ha avuto l’accortezza di allentare i cordoni della borsa, regalando ai travet un bell’aumento di stipendio. Non si vede perché quei lavoratori dovrebbero sentirsene offesi al punto da scendere in piazza per rivendicare “più democrazia”!
La classe media russa si caratterizza tuttavia anche per un’altra peculiarità: la totale incertezza nel futuro. Ovvero: non risparmia ma spende. “Questa tendenza – sostiene tuttavia l’autrice – potrebbe cambiare se le politiche del governo finissero, prima o poi, con l’interferire con lo stile di vita appena acquisito. “Se all’indomani delle elezioni, il governo dovesse rivelarsi meno generoso – ipotizza Masha Lipman – allora il gruppo sociale che ne verrebbe colpito potrebbe unirsi in difesa dei propri interessi.”
Una porta aperta al cambiamento potrebbe ancora esserci. Il mercato degli affitti è infatti diventato a Mosca un vero terrena di caccia, a causa della scarsità dell’offerta e di un’inarrestyabile crescita della domanda. Il Cremlino comincia dunque a trovarsi in difficoltà nell’accontentare la domanda. L’insoddisfazione diffusa, in tal caso, potrebbe finire con l’alimentare una sorta di politicizzazione issue-based capace di risvegliare l’apatia cronica della borghesia moscovita.
L’articolo integrale può essere consultato sul sito della Carnegie




Articoli correlati per tema/i:

The Terrorism Index [Center for American Progress]
Foresight [Policy Network]
Tony Blair Faith Foundation [The Office of Tony Blair]
Towards a Palestinian State [The Office of Tony Blair]
TONY BLAIR: "ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA" [The Office of Tony Blair]
My five ideas for Europe's future [Centre for European Reform]
Fabian New Year Conference [Fabian Society]
Europe in a multipolar world [Centre for European Reform]
Politica, Bce, inflazione, ed euro [Centre for European Reform]
Il Dissenso continua [Fondazione Craxi]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
“Ammiro la democrazia americana” [Brookings Institution]
Esiste davvero un’opposizione in Russia? [Center for Security Studies (CSS)]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
A New Social Contract [Brookings Institution]
Reshaping the world of work and retirement [Social Market Foundation]
Russia's Apolitical Middle [Carnegie Endowment for International Peace]
European Choices for Gordon Brown [Centre for European Reform]
The EU-Russia-U.S. Triangle: Is the Center of Gravity Shifting? [Carnegie Endowment for International Peace]
La Convergenza Strategica tra Russia e Cina [Norwegian Institute of International Affairs (NUPI)]
Pakistan: Perception and Reality [Foreign Policy Centre]
“Dalla parte giusta della storia” [The German Marshall Fund]
Altri temi: