Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 




Expanding the “Jihad”: Hizb’allah’s Sunni Islamist Network

di Bilal Y. Saab e Bruce O. Riedel

È stato appena pubblicato, a cura di Bilal Y. Saab e Bruce O. Riedel, un paper della Brookings Institution che pone l'attenzione sulla questione Hezbollah, ammonendo dal rischio di ridure la complessità delle implicazioni alla frattura politico-religiosa al dualismo Sciiti vs Sunniti.

Secondo i due ricercatori, infatti, Hezbollah non rappresenta affatto solo la componente

Sciita della popolazione libanese, ma sarebbe ormai un movimento trasversale all'intera comunità musulmana. Lo testimonierebbero, da una parte la penetrazione nel cuore della febbre mediorientale, nella “guerra santa” della Jihad palestinese contro il satana sionista; ma anche nella stessa comunità sannita residente in Libano.

L'opinione dominante presso le diplomazie occidentali, ed in quella Americana in particolare, tuttavia, tende ancora a sottostimare queste peculiarità

 Del Partito di Dio. Una sottovalutazione che, secondo gli autori, rappresenterebbe invece una pericolosa scorciatoia interpretativa, dalla quale potrebbero derivare errori di strategia cruciali.

L'idea dominante vuole infatti che in Libano si confrontino due forze politico-sociali antagoniste: gli sciiti di Hezbollah, branch libanese di quella più vasta comunità musulmana eterodiretta da Siria e Iran, e i sunniti del premier Fouad Siniora, benedetti dal fronte occidentale rappresentato da Stati Uniti e Francia.

Ma questo schema rischia di alterare la realtà, perché Hezbollah è solo l'organizzazione politico-militare che già oggi si offre, presso un pubblico mediorientale più vasto di quello confinato nel solo Libano, come il vero custode della resistenza al nemico sionista. In tal senso, la Guerra israelo-libanese della scorsa estate non ha fatto che consolidare l'immagine dei miliziani del Partito di Dio presso tutta la popolazione libanese, sanniti inclusi.

Non solo: Hezbollah è anche una forza presente nelle amministrazioni e nel governo libanese; è, cioè, un partito politico che legittimamente rappresenta una parte della popolazione del paese dei cedri.  Proprio la presenza nelle istituzioni ufficiali consente alle milizie del Partito di Dio di tessere la rete socio-assistenziale che le vale il consenso delle comunità e dei gruppi sociali più svantaggiati, ovvero di farsi un vero e proprio erogatore di welfare.

Assumendo questa prospettiva, la strategia statunitense orientata a considerare Hezbollah esclusivamente come un'organizzazione  terroristica appare quanto meno “miope”, giacché buon senso e realismo suggerirebbero di riconoscerne il potenziale politico e di non sottostimare l'incisività di un'operazione diplomatica volta a contenerne l'immagine come bandiera della resistenza musulmana “agli infedeli” Stati Uniti e Israele.

 Ma il ragionamento condotto dagli autori del paper va ancora più a fondo nell'analisi di Hezbollah, ovvero nel nucleo della dottrina ideologica che ne governa l'organizzazione e l'azione: l'ideologia iraniana velayat-e faqih (o legge dei Giureconsulti). 

Concepita a metà degli Anni 60, durante l'esilio, dal Capo Supremo dell'Iran, l'Ayatollah Ruhollah Khomeini, ed entrata in vigore nel 1979, la velayat-e faqih rappresenta il vero pilastro della funzione politico-religiosa di Hezbollah. Secondo alcuni studiosi libanesi, mancato quel pilastro tutta la struttura su cui si regge Hezbollah crollerebbe.

Sebbene questo aspetto sveli la matrice autenticamente sciita della cultura che informa il Partito di Dio, ovvero l'identificazione dell'obiettivo politico del movimento nell'applicazione della legge divina in tutto il mondo musulmano, la velayat-e faqih non ha impedito ad Hezbollah di trovare fronti di intesa con gruppi, singoli ed organizzazioni sunnite, prime fra tutte il movimento della Jihad islamica palestinese.

Hezbollah, allora, risulterebbe più che una forza monolitica: una specie di Giano bi-fronte al quale gli Stati Uniti dovrebbero  potersi relazionare, modulando quanto meno in maniera duale la propria strategia, concentrandosi da una parte nel contenerne  la componente eversiva e, dall'altra, contribuendo a stabilizzarne la presa politica nella regione.

Il paper può essere consultato ondine sul sito della Brookings



Link esterno: www.brookings.edu/views/papers/saabriedel_20070223.htm
Articoli correlati per tema/i:

The Terrorism Index [Center for American Progress]
Foresight [Policy Network]
Tony Blair Faith Foundation [The Office of Tony Blair]
Towards a Palestinian State [The Office of Tony Blair]
TONY BLAIR: "ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA" [The Office of Tony Blair]
Worldwide Security Conference [East West Institute]
Fabian New Year Conference [Fabian Society]
Europe in a multipolar world [Centre for European Reform]
Il Dissenso continua [Fondazione Craxi]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
“Ammiro la democrazia americana” [Brookings Institution]
Esiste davvero un’opposizione in Russia? [Center for Security Studies (CSS)]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
A New Social Contract [Brookings Institution]
Reshaping the world of work and retirement [Social Market Foundation]
Russia's Apolitical Middle [Carnegie Endowment for International Peace]
The EU-Russia-U.S. Triangle: Is the Center of Gravity Shifting? [Carnegie Endowment for International Peace]
La Convergenza Strategica tra Russia e Cina [Norwegian Institute of International Affairs (NUPI)]
Pakistan: Perception and Reality [Foreign Policy Centre]
“Dalla parte giusta della storia” [The German Marshall Fund]
Ending Oil Dependence [Brookings Institution]
Developing New Leaders [Brookings Institution]
What to expect from the German Presidency [Centre for European Reform]
Altri temi: