Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 




State of the Union 2007. Bush, l’Iraq e il Congresso Democratico

Il commento della Brookings

Per la prima volta dalla sua elezione, quindi, il Presidente si è visto costretto a cercare il consenso dei democratici. A cercarlo, va da sé, sulla missione irakena cui è stata dedicata la gran parte dello speech.

All’incontro, moderato da Pietro Nuvola,Pascual tende tuttavia ad arginare la portata dell’evento. Secondo lo studioso, infatti, lo State of the Union ha un forte impatto sugli americani che da esso ricavano l’impressione della destinazione verso cui si orienta la politica statunitense. Ma – aggiunge – non ha un impatto reale sulle politiche concrete del governo.” Secondo Pascual, gli Americani fanno dello speech presidenziale una specie di cartina di tornasole sulla capacità del Presidente di capire i loro bisogni, e dare il senso di appartenenza ad una comunità che si riconosce unita rispetto al mondo esterno.

Un passaggio, questo, al quale Nancy Pelosi, Speaker democratica del Congresso, non ha battuto ciglio mentre non ha potuto che unirsi agli applausi di Dick Cheney, il Vice Presidente, e dei colleghi parlamentari quando Bush ha invitato a sostenere “i soldati che sono al fronte e quelli che ci andranno.”

Sempre sul fronte interno, il Presidente ha poi proposto l’introduzione di un permesso transitorio per i lavoratori stranieri e la riforma dell’assistenza sanitaria, attraverso l’introduzione di incentivi per l’accensione di polizze assicurative private tra i lavoratori ancora scoperti. Insomma, i temi cari ai Democratici che tuttavia non lesinano un’accoglienza piuttosto fredda ai buoni propositi di Bush.

Sul tavolo pesano infatti problemi interni legati alle risorse, alle tasse, alle politiche sociali. Su questi, è pensabile che i Democratici contrattino ma non è ancora chiaro se e in che modo la contropartita sarà il supporto alla strategia irakena del Presidente. Aumentano, infatti, le critiche – non solo nell’opinione pubblica ma anche tra i maggiorenti del Partito  il consenso verso il rafforzamento dell’azione diplomatica. È questa , in fondo, la cornice in cui si muovono le osservazioni della Brookings e degli scholar che hanno discusso lo State of the Union.

Per ulteriori informazioni, si vada alla pagina:



Link esterno: www.brookings.edu/comm/infocus/2007sotu.htm
Articoli correlati per tema/i:

The Terrorism Index [Center for American Progress]
Foresight [Policy Network]
Tony Blair Faith Foundation [The Office of Tony Blair]
Towards a Palestinian State [The Office of Tony Blair]
TONY BLAIR: "ACCORDO GLOBALE SUL CLIMA" [The Office of Tony Blair]
Worldwide Security Conference [East West Institute]
Fabian New Year Conference [Fabian Society]
Europe in a multipolar world [Centre for European Reform]
Il Dissenso continua [Fondazione Craxi]
Sarkozy e l’America progressista [Brookings Institution]
“Ammiro la democrazia americana” [Brookings Institution]
Esiste davvero un’opposizione in Russia? [Center for Security Studies (CSS)]
Il nuovo corso della politica estera francese [Center for Security Studies (CSS)]
A New Social Contract [Brookings Institution]
Reshaping the world of work and retirement [Social Market Foundation]
Russia's Apolitical Middle [Carnegie Endowment for International Peace]
The EU-Russia-U.S. Triangle: Is the Center of Gravity Shifting? [Carnegie Endowment for International Peace]
La Convergenza Strategica tra Russia e Cina [Norwegian Institute of International Affairs (NUPI)]
Pakistan: Perception and Reality [Foreign Policy Centre]
“Dalla parte giusta della storia” [The German Marshall Fund]
Ending Oil Dependence [Brookings Institution]
Developing New Leaders [Brookings Institution]
What to expect from the German Presidency [Centre for European Reform]
Altri temi: