Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Stratfor.com, 22 aprile 2009,


Un portavoce dell'esercito pakistano ha recentemente affermato che l'accordo firmato da Islamabad e dai ribelli islamisti della regione nord-occidentale dello Swat ha consentito ai taliban di ricompattarsi dopo aver patito serie perdite nel corso dell'offensiva condotta alcuni mesi fa dalle truppe governative.  L'accento polemico nei confronti della scelta del governo pakistano è più che evidente. In effetti, i taliban si stanno pericolosamente rinvigorendo e il suddetto accordo sembra destinato a diventare presto carta straccia, dimostrando, ancora una volta, come i combattenti fondamentalisti abbiano buon gioco nel manipolare le pericolanti istituzioni pakistane. Fatto ancor più grave, la situazione pare volgersi al peggio.

Infatti, come sottolineano con crudezza ma efficacemente gli analisti di Stratfor.com, sito web statunitense specializzato in studi strategici,  mentre il leader pakistani si barcamenano in un improbabile percorso di pacificazione con i taliban, i loro nemici si stanno preparando ad attaccare alla giugulare. La logica soggiacente alla scelta di Islamabad di negoziare con i taliban si riassume nel seguente compromesso: la fine delle azioni armate islamiste nello Swat in cambio dell'imposizione della sharia nella regione. I taliban invece hanno dato chiari segni di non volersi accontentare, non hanno deposto le armi e stanno tentando di estendere le loro operazioni su scala nazionale. Al governo Zardari rimangono così due possibilità: continuare ad evitare lo scontro frontale lasciando ai jihadisti la possibilità di rafforzarsi o agire con fermezza sbarrando loro la strada prima che sia troppo tardi. In entrambi i casi, conclude l'analisi di Stratfor, il conflitto sarà inevitabile.

 
 

Data:





democrazia   nato   occidente   bush   francia   gran bretagna   ahmadinejad   economia   clinton   brown   terrorismo   energia   rubriche   storia   geopolitica   america   stati uniti   sicurezza   europa   russia   sarkozy   berlusconi   italia   hamas   labour   india   politiche sociali   crisi   cina   cultura politica   ambiente   diritti umani   ue   obama   putin   usa   iran   medio oriente   medvedev   blair   siria   afghanistan   iraq   mccain   critica sociale   nucleare   israele   onu