Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Il Simon Wiesenthal Center applaude la decisione del presidente Obama e del Segretario di Stato Clinton di non partecipare alla conferenza delle Nazioni Unite, Durban II. Marvin Hier and Abraham Cooper, due dirigenti del centro, ne hanno avuto conferma dopo un colloquio tra funzionari della Casa Bianca e del dipartimento di Stato ed alcuni leader delle principali organizzazioni ebraiche.
"E' un chiaro segnale alla comunitŕ internazionale che l'amministrazione Usa rifiuta di validare il sabotaggio dei diritti umani posto in essere da regimi quali Libia ed Iran", ha dichiarato Hier. "Per isolare i seminatori d'odio, auspichiamo che l'amministrazione Usa formi una "coalizione dei volonterosi" che comprenda anche Canada, Regno Unito ed Unione europea in collaborazione con l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), al fine di convocare una conferenza parallela il 21 aprile che disconosca apertamente ogni forma di razzismo e discriminazione.", ha aggiunto Hier.
Funzionari del Wiesenthal Center furono i portavoce della rappresentanza ebraica alla conferenza Durban I che si svolse nella cittŕ sudafricana nel 2001, pochi giorni prima i tragici fatti dell 11 settembre. Shimon Samuels, responsabile per le relazioni internazionali del Centro, ha partecipato a diverse sessioni preparatorie di Durban II, notando come  Libia, Iran ed altri Stati colpevoli di violazione dei diritti umani stessero tentando di isolare Israele e di evitare ogni discussione sull'estermismo islamico, oltre a preparare il terreno perchč i "negatori dell'Olocausto" potessero far sentire chiaramente la loro voce.
Il Simon Wiesenthal Center č una delle piů importanti organizzazioni internazionali ebraiche per la difesa dei diritti umani e conta oltre 400,000 membri solo negli Stati Uniti. Opera come organizzazione non governativa presso l'Onu, l'Unesco, l'Osce, l'Oas, il Consiglio d'europa e il Parlamento latino americano.
 

Data:





medvedev   italia   democrazia   medio oriente   nato   afghanistan   blair   sarkozy   iraq   putin   cina   geopolitica   clinton   iran   francia   storia   cultura politica   ue   ahmadinejad   onu   india   ambiente   politiche sociali   crisi   berlusconi   brown   rubriche   bush   israele   diritti umani   occidente   usa   sicurezza   energia   obama   russia   stati uniti   europa   labour   mccain   nucleare   hamas   america   critica sociale   terrorismo   gran bretagna   economia   siria