Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



TAKING A STAND

Jordan Times

 
SAMIR KUNTAR, SUPERSTAR
 
ANALYSIS / WHAT DOES NASRALLAH MEAN BY 'DEFENSE STRATEGY'?

Haaretz
Nel discorso pronunciato in occasione del rilascio dei prigionieri libanesi, lo sceicco Hassan Nasrallah, leader di Hezbollah, ha parlato di “strategia difensiva” a proposito delle future azioni militari della sua organizzazione. “Siamo sempre pronti a discutere di strategia difensiva – ha detto – perché il Libano non è fuori pericolo”. Cosa intendeva esattamente? La “strategia difensiva” in effetti è una scusa per giustificare il mantenimento delle attività militari di Hezbollah, sia in Libano, sia verso Israele. Un messaggio per chi – sul fronte politico interno, come su quello internazionale – insiste nella richiesta di disarmo.

 

Data:





clinton   usa   america   cina   terrorismo   occidente   iraq   labour   putin   democrazia   sicurezza   crisi   gran bretagna   russia   economia   mccain   storia   obama   francia   afghanistan   india   cultura politica   critica sociale   sarkozy   berlusconi   nato   bush   medio oriente   geopolitica   iran   ambiente   brown   europa   hamas   stati uniti   diritti umani   medvedev   nucleare   israele   ahmadinejad   onu   energia   politiche sociali   ue   italia   siria   blair   rubriche