Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Haaretz
Yes, at any price
Yoel Marcus

Il governo ha iniziato la guerra in Libano, nel 2006, con il preciso obbiettivo di riportare a casa i due soldati rapiti. In quella Guerra sono stati sacrificati 150 tra militari e civili. Ed ora che si ha certezza che i due riservisti, Regev e Goldwasser, non sono più vivi, i servizi di sicurezza – lo Shin Bet, il Mossad e l'intelligence militare – improvvisamente si oppongono al rilascio di Samir Kuntar (iI terrorista responsabile dell'attentato di Nahariya del 1979). Ma perché si svegliano solo ora?

Haaretz
German mediator to secure Hezbollah, Israel signatures on prisoner swap accord

Il testo dell'accordo sarà vagliato dal Parlamento israeliano domenica. Se approvato, sarà condotto dal mediatore ufficiale, il tedesco Ofer Dekel, a Beirut per la controfirma di Hezbollah. Nel frattempo Israele presenterà al Cairo una nuova proposta di accordo con Hamas per la liberazione del soldato Gilad Shalit.
 
The Jerusalem Post
The Palestinian track

C'è l'impegno di tutti i principali leader internazionali per la soluzione del conflitto israelo-palestinese, da George Bush e Condoleezza Rice, al Presidente francese, Nicolas Sarkozy. Ma, soprattutto, c'è la consapevolezza di Israele che la sopravvivenza della democrazia ebraica dipende dal raggiungimento dell'accordo con i palestinesi. Tuttavia, finché non sarà la popolazione palestinese che riconoscerà il diritto alla Stato di Israele, qualunque accordo convengano le leadership, non si avrà mai pace.
Gaza truce broken yet again as 2 mortar shells hit w. Negev
 

Data:





usa   medio oriente   energia   siria   bush   blair   afghanistan   critica sociale   gran bretagna   putin   stati uniti   ue   ambiente   israele   diritti umani   hamas   iraq   francia   geopolitica   russia   sarkozy   clinton   ahmadinejad   storia   india   mccain   obama   onu   labour   crisi   medvedev   europa   rubriche   democrazia   economia   iran   cina   brown   sicurezza   cultura politica   berlusconi   nucleare   italia   nato   terrorismo   politiche sociali   occidente   america