Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Ynet
What drives Ahmadinejad?
Jonathan Halevi e Ashley Perry

L'Iran sciita vuole diventare una superpotenza regionale conquistandosi un ruolo a livello internazionale come potenza nucleare. La sfida apertamente lanciata da Ahmadinejad all'Occidente ha l'obbiettivo di mandar via americani e britannici dall'Iraq, acquisendo l'egemonia nella regione del Golfo Persico, grazie al peso militare costruito nel corso degli ultimi anni. La leadership iraniana parla di un "Nuovo Medio Oriente" connotato dalla ispirazione islamica di cui la rivoluzione iraniana rappresenta il modello. In questo disegno, Ahmadinejad si presenta al mondo sciita nel ruolo di un nuovo messia.
 
The Daily Star
Iran has made plenty of points, and now it's time to cash in

Le deboli sanzioni inflitte all'Iran dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu, coś come le iniziative unilaterali decise da Usa e Gran Bretagna, non hanno avuto alcun effetto sulla leadership di Teheran che, al contrario, ha sfruttato l'ostilità dell'Occidente per elevare di rango il proprio status internazionale. Un effetto diverso, invece, pụ averlo il negoziato avviato dalla Ue. Se l'Iran viene messo nelle condizioni di poter esso stesso decidere la sospensione del programma nucleare militare, potrà accettare di negoziare un accordo vantaggioso che preveda il riconoscimento ufficiale della comunità internazionale del suo diritto ad avere un proprio programma di arricchimento dell'uranio. Le sanzioni si ripercuotono solo sulla popolazione che finisce per far quadrato attorno al regime. L'Iran, tuttavia, non è insensibile al malessere della popolazione. oggi gli viene offerta la possibilità di alleviare le sofferenze degli iraniani e salvaguardare la propria "dignità".
 
The Daily Star
Old ties exist between Iran and Lebanon's Shiites
Sadegh Zibakalam


Contrariamente a quanto si tende comunemente a ritenere, l'ingerenza iraniana in Libano non comincia con la Rivoluzione Islamica del 1979 ma nei contatti tra le comunità sciite dei due paesi che cominciarono a stabilirsi all'inizio del XVI secolo, quando il capo degli Ulema sciiti libanese venne invitato per la prima volta in Iran dalla potente dinastia safavida che si era appena insediata. 
 

Data:





onu   cina   medio oriente   critica sociale   siria   rubriche   diritti umani   francia   israele   crisi   iran   nucleare   gran bretagna   mccain   labour   ue   clinton   politiche sociali   energia   obama   bush   berlusconi   nato   italia   stati uniti   sarkozy   brown   storia   democrazia   russia   afghanistan   usa   iraq   medvedev   occidente   america   cultura politica   ambiente   economia   sicurezza   ahmadinejad   india   hamas   putin   blair   europa   terrorismo   geopolitica