Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA- 4 giugno

di Critica Sociale



(pagina 2)

... A Defining Moment for Our Nation

McCain's Speech in New Orleans

Editoriale
Financial Times
Demographic time-bomb in Mideast

Due terzi della popolazione araba ha meno di 25 anni, ed un quarto sono disoccupati. In una regione esplosiva come il Medio Oriente la priorità deve essere data alla creazione di posti di lavoro ed allo sviluppo economico. È questa la migliore garanzia per la sicurezza e la migliore risposta alla deriva estremista.
Ma le riforme economiche non saranno efficaci se non saranno accompagnate da una profonda riforma democratica dei sistemi politici.

Middle East Times
Bassam Abu Sharif: Memo to President Bush

In una lettera aperta al Presidente americano, George W. Bush, l'ex consulente di Yasser Arafat, Bassam Abu Sharif, illustra le ragioni per cui in Medio Oriente si è persa la fiducia sulla capacità delle Nazioni Unite di esercitare su Israele le pressioni necessarie a spingere il paese verso una vera politica di pace e lancia un monito: il fallimento del dialogo avrà come conseguenza il rafforzamento dell'estremismo.

Ya Libnan
The Nasrallah speech: Hezbollah ruled, the West is fooled
Walid Phares

Nasrallah sta giocando una grande partita mediatica su scala internazionale, il cui obbiettivo non è convincere il pubblico di esser riuscito a sconfiggere l'Occidente a Doha, ma di aver ormai il sostegno della grande maggioranza della popolazione libanese sul suo disegno e la sua visione di quello che deve essere l'assetto politico della regione mediorientale.

Middle East Times
SPECIAL REPORT:Hezbollah active in Nigeria

Se fossero confermati, gli indizi sulla presenza di Hezbollah in Nigeria – come conseguenza del disimpegno della Russia nel continente africano - rappresenterebbero una seria minaccia alla stabilità mondiale. La comunità internazionale deve necessariamente approfondire la questione.

Editoriale
The Daily Star
One small step for Lebanese politics, one giant leap for Lebanon

Solo un mese fa, non c'erano in Libano nemici più agguerriti del movimento Amal - guidato da Nabih Berri, speaker del paramento – e il Partito Socialista Progressista di Walid Jumblatt. Ebbene oggi i nemici si incontrano per sottoscrivere una dichiarazione comune di intenti che li impegna al dialogo ed alla cessazione delle ostilità, per incoraggiare la normalizzazione politico-istituzionale del Paese. È questo un segno evidente di come Doha sia stato più che un evento di facciata.

The Daily Star
A globalized Lebanon in a Lebanonized world
Nadeem G. Maasry

Il Libano presenta una struttura socio-politica peculiare, fondata sul riconoscimento equanime dei diversi gruppi religiosi, nelle istituzioni come nelle attività economiche. i padri fondatori vollero garantire il confessionalismo stipulando nel 1943 un Patto Nazionale che garantisce a tutti i gruppi eguali diritti ed opportunità. Lo sviluppo economico e sociale del paese avrebbe così reso uguali i cittadini libanesi, indipendentemente dalla loro appartenenza religiosa. Paradossalmente, si tratta dello stesso principio di “discriminazione positiva” oggi sostenuto da paesi come Francia e Stati Uniti.

UN Security Council extends mandate of Hariri probe

AFP/Daily Star
Assad rules out direct talks with Israel until 2009

AFP/Daily Star
Paris eyes military sales to Riyadh

Le Figaro
En Syrie, Bachar el-Assad redistribue le pouvoir

Discreto ma significativo rimpasto, quello operato a Damasco: il co...


<< pagina precedente        pagina successiva >>