Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


LABOUR, E’ FINITO IL TEMPO DELLA CAUTELA
A prescindere dal risultato di oggi, Gordon Brown può vincere le prossime elezioni. Ma è necessario che torni all’essenza del brownismo e che sviluppi un’agenda politica ambiziosa e che persegua la giustizia




(pagina 2)

... infantile e al cambiamento climatico, la riforma elettorale e l’approntamento di una carta costituzionale. Se non ora, quando?

E soprattutto, auguriamoci che Gordon Brown ritorni ad essere Gordon Brown e che recuperi le ragioni profonde del suo stile politico, in tema sia di tassazione che di spesa pubblica.

Prima delle polemiche intorno alla 10p tax, pochi nel Labour si erano accorti dell’interesse dei Tories e della stampa conservatrice per le fasce deboli della popolazione. Allora, bisogna utilizzare il prossimo budget per dimostrare l’attenzione del Labour verso il disagio dei lavoratori a basso reddito. Sarebbe invece il 6% più ricco della popolazione a beneficiare delle promesse fiscali Tory. Saranno poi gli elettori a giudicare quanto sia genuino il nuovo volto mostrato dai Conservatori.

L’azione per il cambiamento deve però essere intrapresa entro l’autunno. Anche le prossime elezioni possono essere vinte.



<< pagina precedente