Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


Il Giudice senza qualità

di Enzo Lo Giudice
Editore: Lupetti
Prezzo: 12,50 €

Dai tempi della Costituzione repubblicana politici e giuridici discutono della giustizia penale: Nel corso degli anni sono intervenute numerose riforme che inutilmente hanno cercato di risolverla. Eppure l'accertamento di un fatto e la riferibilità dello stesso alla responsabilità di un soggetto agente non dovrebbe essere impresa eccessivamente complicata. E allora perchè tanti errori giudiziari? Forse perchè la causa della crisi non risiede tanto nel sistema delle leggi quanto nella cultura delle leggi e nel difetto di conoscenza dell'uomo.
Il giudice è un uomo che resta sostanzialmente tale senza la cultura della prova e la cultura della pena.
Ma “giudicare" può essere un mestiere? Perchè mai in cinquant'anni il nostro paese non è riuscito a formare il giudice dei valori accontentandoci del giudice della norma? Il diritto come valore, la qualità del giudice che dev'essere soggetto solo alla Costituzione, la forma e la natura della giuria, la miseria culturale della punizione non finalizzata alla rieducazione, la compatibilità della giustizia sociale, libertà e autonomia del giudizio, questi sono i nodi essenziali di un processo che non può riguardare solo la nazione ma affermare l'universalità dei diritti fondamentali intesi come valori naturali.
Nel nostro paese, recentemente, il processo penale è riuscito a selezionare il quadro politico, a mettere fuori legge i partiti storici, a leggitimare politici e percorsi antidemocratici, a cancellare i diritti dei nuovi potenti non scelti dal popolo, a modificare il dissenso e l'antitesi sociale.
Il giudice tecnico, il giudice per mestiere è stato il protagonista di tanto scempio della democrazia.
Il carcere e la sentenza sono serviti più del suffragio universale e della cultura politica. Come è potuto accadere?
Il libro cerca di dare una risposta a questi inquietanti interrogativi.