Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Editoriale
 
 


LE ANTICIPAZIONI DI HAARETZ SUL PIANO DI PACE

Il quotidiano israeliano pubblica la "draft copy" della dichiarazione congiunta israelo-palestinese

Data: 0000-00-00

22 novembre 2007. Il quotidiano israeliano Haaretz pubblica la "draft copy" della dichiarazione congiunta israelo-palestinese, che dovrebbe avviare la conferenza di pace che si terrÓ tra meno di una settimana ad Annapolis. Svelati i retroscena del piano di pace. Ancora forti i contrasti, nonostante "la determinazione delle parti a porre fine al bagno di sangue, alla sofferenza e ai decenni di conflitto tra i loro popoli."Tra i motivi del disaccordo, i tempi dell'avvio del processo di pace che i palestinesi vorrebbero procrastrinare di 8 mesi, in attesa che si compia il mandato Bush. Gli israeliani chiedono al contrario l'avvio immediato degli accordi.Vi Ŕ disaccordo inoltre sui "termini di riferimento" dei negoziati. I palestinesi vorrebbero che la base negoziale fosse la tabella di marcia adottata dal "quartetto" nel 2003, che imporrebbe a Israele lo sgombero dai territori occupati dopo il 1967. Un'opzione cui naturalmente Israele pone veto.Il testo integrale della bozza di accordo tra Israele e Palestinesi, alla vigilia del vertice di Annapolis del prossimo 27 novembre, Ŕ consultabile sul sito del quotidiano Haaretz.






labour   siria   critica sociale   economia   democrazia   ahmadinejad   energia   medio oriente   nucleare   afghanistan   america   berlusconi   occidente   terrorismo   putin   diritti umani   bush   italia   medvedev   hamas   sicurezza   blair   politiche sociali   ambiente   europa   geopolitica   india   nato   clinton   francia   russia   storia   obama   usa   cina   ue   crisi   iran   sarkozy   stati uniti   mccain   cultura politica   rubriche   onu   brown   gran bretagna   israele   iraq