Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> 2014 >> Numero 2
 
 


2014,
Numero 2/3

Ultimo avviso

di Rino Formica

Da almeno tre anni abbiamo operato perchè nel sistema politico in declino nascesse una reazione vitale per favorire le riforme istituzionali con i caratteri essenziali delle trasformazioni sociali che la prima parte della Costituzione aveva indicato. La crisi dei partiti ha provocato la disfatta sociale, la disgregazione della coesione sociale e minaccia di travolgere le istituzioni.
Un nuovo virus è penetrato nel corpo vivo della nazione: il fascismo mediatico.
Un mezzo di comunicazione è diventato un fine, senza regole, senza guida e senza cultura politica. Questo virus ha intaccato tutti i partiti ed ha paralizzato i sindacati.
La democrazia politica e sociale nelle sue forme storiche organizzate è senza ossigeno.
Il Parlamento sempre più impotente ne ha preso atto e ha rivolto il suo disperato SOS all'anziano Capo dello Stato, ultimo figlio generoso e forte della grande generazione dei padri repubblicani. Napolitano non imporrà niente. Ha già dato molto e, forse, troppo.
Ora sono i partiti che dovranno offrire la loro rivoluzione culturale. Se non lo faranno sappiano che il Presidente della Repubblica ha due pistole cariche: lo scioglimento delle Camere e la sua letter...