Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


LA NUOVA STRATEGIA USA IN AFGHANISTAN

Nel delicato momento internazionale che stiamo attraversando, si Ť aperto un nuovo delicato capitolo: il cambio di strategia statunitense in Afghanistan appoggiato dalla Francia

Giuseppe Scanni

Nel delicato momento internazionale che attraversiamo, segnato dalle spintonate russe nel Caucaso e dall'aggravarsi dei rapporti di alcuni paesi americano latini nei confronti degli Usa, quando la situazione economica internazionale appare debole, si Ť aperto un nuovo delicato capitolo: il cambio di strategia statunitense in Afghanistan appoggiato dalla Francia.

Nelle due guerre di Afghanistan, quella convenzionale e quella della comunicazione, l'ultima Ť stata vinta dai Talebani.

La coalizione guidata dagli USA ha cercato di limitare le perditeevitando i contatti diretti col nemico, quindi si sono moltiplicati i bombardamenti aerei, che comportano un pesante bilancio di perdite tra civili.

Persa la guerra in Iraq, al Qaeda si dedica all'Afghanistan. I terroristi islamici sono maestri della comunicazione e della strumentalizzazione. E' cominciata la guerra delle cifre. L'Alleanza atlantica moltiplica la diffusione di statistiche che dimostrano come nella sanitŗ, nella scuola, nei diritti delle donne, sono stati compiuti progressi, anche se in modo ineguale nel territorio.

La FIAS, la forza internazionale d'assistenza alla sicurezza dell'Alleanza Atlantica, ha preso atto che i bombardamenti aerei statunitensi sono controproducenti e che la scelta Usa di privilegiare la guerra in Irak su quella in Afghanistan Ť stata un errore.Entrambi i candidati alla presidenza, McCain ed Obama, vogliono riprendere il tempo perso inviando massicci rinforzi militari.



Data: 2008-09-22







gran bretagna   america   nucleare   brown   cina   iraq   economia   energia   storia   sicurezza   nato   siria   sarkozy   labour   usa   ambiente   onu   putin   bush   medvedev   occidente   diritti umani   italia   berlusconi   medio oriente   cultura politica   hamas   democrazia   europa   critica sociale   clinton   ue   iran   francia   rubriche   obama   mccain   russia   afghanistan   geopolitica   blair   india   stati uniti   israele   crisi   politiche sociali   terrorismo   ahmadinejad