Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


Il silenzio della politica sulla questione Iran

DAVID BIDUSSA-Che cosa significa nella pratica culturale italiana la rivendicazione dei diritti umani? Ebbene nei giorni scorsi abbiano avuto una prova del suo “stato di salute”

David Bidussa

Le novità, invece, sono due. La prima riguarda il fatto che Ahmadinejad ha parlato e che  nessuno gli ha davvero replicato. La seconda è chi è divenuto rilevante o irrilevante inquesta discussione. Consideriamo la prima questione

La seconda questione riguarda la irrilevanza della classe politica.Ahmadinejad è arrivato a Roma preceduto da un corso di dichiarazioni negativead incontrarlo. Non ha replicato né chiesto un incontro a nessun uomo politico.L'unica richiesta avanzata è stata quella di incontrare il Papa. Richiestanon  accolta, ma che indica unproblema: che nella dimensione del confronto,  ciò che è stato spiazzato è la dimensione della politica,ridotta ad ancella del sacro, oppure sostituita con il sacro. Tre secoli di laicità della politica sono stati semplicemente azzerati con un atto – e anchein questo caso con un atto non avvenuto. Perché per quanto quell'incontro nonci sia stato, la premessa è che riallacciare un possibile confronto a distanzacon Teheran, passerà per canali che non sono la politica, soprattutto non sonoquello che da Machiavelli in poi noi siamo abituati a pensare che sia lapolitica. Chi ha vinto a Roma?



Data: 2008-06-06







cina   hamas   america   mccain   iran   francia   iraq   stati uniti   sarkozy   medio oriente   europa   economia   india   democrazia   usa   labour   clinton   gran bretagna   rubriche   israele   critica sociale   cultura politica   geopolitica   sicurezza   russia   medvedev   politiche sociali   crisi   siria   obama   italia   ahmadinejad   ue   terrorismo   afghanistan   occidente   blair   bush   diritti umani   storia   brown   putin   onu   nucleare   energia   nato   berlusconi   ambiente