Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


RICORDANDO LITVINENKO

Il 18 settembre scorso si è tenuta all’ISPI la presentazione di "Morte di un Dissidente", libro scritto a quattro mani da Alex Goldfarb e Marina Litvinenko

Litvinenko ha pagato la sua insubordinazione rispetto alle direttive impartitegli dai servizi russi per i quali lavorava e la sua volontà di denunciare una serie di misfatti compiuti dalle autorità russe contro avversari politici, civili innocenti e giornalisti. Dopo essersi rifiutato di partecipare all'eliminazione del magnate dissidente Boris Berezovskji, Litvinenko è riuscito nel 2000 a ripiegare in Gran Bretagna, ma la posizione di scomodo contestatore del regime moscovita ha portato alla sua eliminazione che, come ha sottolineato all'ISPI Fernando Mezzetti (già corrispondente a Mosca per Il Giornale), se non può essere imputata con certezza a Putin va ascritta certamente alla sua responsabilità politica.
I due autori hanno comunque preferito insistere sulla dimensione personale della vicenda Litvinenko, rifiutando di addentrarsi in considerazioni squisitamente politiche e ribadendo la loro volontà di testimoniare semplicemente il percorso umano di chi, in disaccordo con i metodi del proprio governo, ha rischiato e perso la vita per opporsi ad un apparato di potere opaco e repressivo. Critica Sociale, presente all'incontro, ritiene invece che il caso Litvinenko rappresenti un monito rispetto ai rischi dell'ulteriore deriva autoritaria di un paese dell'importanza strategica della Russia, nei cui confronti molti governi occidentali dovrebbero prestare maggioreattenzione. Nel caso italiano, ad esempio, a lungo andare, rischia di apparire ipocrita l'atteggiamento di chi, pur dando voce con partecipazione alle vittime della repressione, non ha il coraggio, in nome di una malintesa realpolitik, di agire di conseguenza nei confronti dei carnefici.


Data: 2007-09-20







nucleare   iraq   democrazia   iran   israele   stati uniti   storia   sicurezza   medvedev   putin   russia   ambiente   america   hamas   siria   afghanistan   politiche sociali   bush   usa   india   cina   obama   economia   medio oriente   brown   occidente   cultura politica   francia   diritti umani   terrorismo   italia   crisi   berlusconi   labour   mccain   gran bretagna   blair   ahmadinejad   energia   clinton   europa   rubriche   onu   critica sociale   ue   sarkozy   geopolitica   nato