Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Il disastro naturale che ha investito recentemente le Filippine, dove una tempesta tropicale ha causato centinaia di vittime, chiama in causa direttamente gli effetti del cambiamento climatico sul nostro pianeta. Prende spunto dalla più stretta attualità Timothy Gore, Climate change advisor di Oxfam International presso l'Unione europea, intervenendo all'incontro organizzato da Foreign Policy Centre nei giorni della Conference di Brighton. L'attenzione ai guasti ambientali è stata una delle priorità del triplice mandato laburista al governo, così come viene continuamente ribadito dalle prese di posizione dei vertici dell'esecutivo, da Brown a Miliband, e dall'impegno dell'Ufficio di Tony Blair sulla questione.
E' un problema di burden sharing, di suddivisione delle responsabilità, argomenta l'esponente di Oxfam. L'Occidente si è industrializzato per primo e nelle sue società si è ormai sviluppata e consolidata una coscienza ecologista, meno diffusa nel resto del mondo, dove la priorità assoluta rimane la crescita dell'economia e la diffusione del benessere. L'Europa e gli Stati Uniti obamiani premono perché vengano ovunque adottati standard ambientali più virtuosi, in considerazione dell'impatto devastante che il crescente numero di consumatori asiatici, africani e sudamericani potrà avere sull'equilibrio ambientale mondiale. Cina ed India vogliono invece rappresentare il nuovo mondo in via di sviluppo, accusando europei e americani di essere stati i grandi inquinatori della Storia e di voler impedire ad altri popoli di accedere agli stili di vita da loro conquistati. Inoltre, essi sostengono che spetti propri ai paesi di più antica industrializzazione l'onere di sopportare il peso maggiore di una riduzione globale nel livello delle emissioni inquinanti.
Stephen Twigg, direttore di Foreign Policy Centre e moderatore dell'incontro, concorda con l'analisi di Gore ed auspica un particolare sforzo di responsabilità da parte di Europa e Stati Uniti. Del resto, secondo uno studio presentato dal Princeton Enviromental Institute, e ripreso dal Times, il 50% delle emissioni inquinanti viene prodotto dal 7%  della popolazione  mondiale. Si tratta ovviamente della fascia più ricca del pianeta, composta principalmente da coloro che vivono nel mondo occidentale.

(continua)

A cura di Fabio Lucchini  

 

Data:





hamas   cina   iran   medvedev   storia   europa   economia   critica sociale   siria   usa   india   brown   mccain   occidente   america   bush   clinton   obama   berlusconi   labour   blair   sicurezza   ambiente   diritti umani   energia   terrorismo   stati uniti   rubriche   iraq   afghanistan   putin   cultura politica   italia   russia   israele   democrazia   ahmadinejad   francia   gran bretagna   ue   politiche sociali   nucleare   medio oriente   sarkozy   nato   crisi   onu   geopolitica