Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Stratfor.com, 10 maggio 2009,

In previsione della visita di Barack Obama in Russia del luglio venturo, il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, si è recato la scorsa settimana nello Studio Ovale per incontrare il presidente Usa. Un timido segnale di distensione nei confronti di Washington. L'ultimo contatto ad alto livello risaliva al 1 aprile, alla vigilia del G20 londinese, quando Obama e il presidente russo Dmitri Medvedev avevano discusso dell'espansione della Nato verso l'ex impero sovietico, del sistema anti-missile che gli Usa intendono installare in Polonia, dei progetti per un trattato contro la proliferazione nucleare e della eventuale collaborazione russa nella gestione dell'Afghanistan.

I russi si erano recati a Londra con la convinzione di poter dettare le proprie condizioni e di ottenere risultati positivi in merito a ciascuno dei punti in discussione sul tavolo. Ma non è andata affatto così. La trattativa sulla riduzione degli armamenti nucleari ha infatti rappresentato l'unico progresso registrato in seguito ai colloqui russo-statunitensi del G20. Conseguentemente, sin dal mese di Aprile nuove tensioni hanno disturbato i contatti diplomatici tra la Nato e il Cremlino. In primo luogo, la Russia si è spesa per contrastare ogni tentativo dei Paesi occidentali di approfondire la proprio influenza politico-economica in Asia centrale. In secondo luogo, Mosca ha più che raddoppiato la propria presenza militare in Georgia. Come risposta la Nato ha svolto alcune esercitazioni militari nello stesso territorio georgiano, provocando la stizzita reazione delle autorità russe. Il tutto condito dall'allontanamento da Bruxelles di diplomatici russi accusati dalla Nato di spionaggio e dall'espulsione di funzionari canadesi della Nato dalla Russia. Non certo un clima disteso, si direbbe.

Pare evidente come il dissidio tra Mosca e Washington sia sempre più connesso all'allarme avvertito dai russi per l'espansione della Nato ad est. Prendiamo il caso della Polonia, che da sempre vive con conflittualità il suo rapporto di vicinato con la Russia, che, da parte sua, ha optato per un atteggiamento duro ed aggressivo nel relazionarsi con Varsavia, premendo sugli Stati Uniti perché non si intromettessero ed evitassero di stringere un legame troppo solido con l'ex protettorato sovietico. La Russia evita il dialogo con la Polonia ed invita europei e americani a non assumere una postura troppo amichevole nei suoi confronti. Un approccio che, oltre a creare tensioni sull'asse Washington-Mosca-Bruxelles, in definitiva non sta apportando benefici alla diplomazia del Cremlino. Lavrov sembra essersene accorto. La scorsa settimana il ministro degli Esteri ha parlato della necessità di “migliorare le relazioni tra i due Paesi” e, prima di partire per Washington ha incontrato il suo omologo polacco, Radislaw Sikorski. Un cambiamento di tono significativo rispetto agli insulti del passato prossimo.

 

Data:





clinton   america   bush   terrorismo   russia   india   cina   italia   storia   brown   geopolitica   medvedev   politiche sociali   blair   afghanistan   usa   gran bretagna   labour   nato   crisi   israele   ambiente   ue   critica sociale   rubriche   iraq   berlusconi   energia   medio oriente   europa   stati uniti   diritti umani   sarkozy   cultura politica   economia   sicurezza   democrazia   mccain   ahmadinejad   iran   francia   siria   putin   hamas   occidente   nucleare   obama   onu