Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



The Washington Post
Shakeup in McCain Campaign
Chris Cillizza

Steve Schmidt prende le redini della campagna presidenziale di John McCain. Il campaign manager Rick Davis manterrà il suo incarico, ma la nomina del mastino Schmidt, che aiutò George W. Bush a conservare la presidenza nel 2004 e Arnold Schwarzenegger a mantenere il governo della California nel 2006, segna una decisa svolta. Alla fine Mac ha ceduto alle pressioni del suo Partito, preoccupato per la mancanza di direzione e coerenza della sua campagna elettorale e per il gap comunicativo che separa il senatore dell'Arizona dal brillante Obama e che si è palesato in queste settimane. Il campanello d'allarme era suonato lo scorso 3 giugno, giorno di chiusura delle primarie, allorché il senatore dell'Illinois aveva affabulato l'uditorio del Minnesota, mentre McCain annoiava il suo pubblico in un evento parallelo. A Schmidt, considerato il più brillante consulente elettorale Repubblicano, il compito di invertire la tendenza negativa.

 
Usa Today
Obama faces backlash for recent centrist views
Kathy Kiely e Martha T. Moore


Obama sta fronteggiando un'inattesa ribellione da parte di quella stessa“blogosfera” liberal e progressista che gli ha consentito di conquistare la nomination Democratica. Al popolo di internet non sono piaciute alcune prese di posizione centriste recentemente espresse dal candidato Democratico. Nel dettaglio, Obama ha criticato la decisione della Corte Suprema di escludere la pena di morte per chi si fosse macchiato del reato di stupro nei confronti di minori, mentre non si è opposto alla eliminazione del bando sulle possesso di armi da fuoco. Inoltre, il junior senator ha annunciato un piano per sostenere l'associazionismo religioso attivo nel lavoro sociale ed ha dichiarato di esser pronto a votare una norma che dia l'immunità alle compagnie telefoniche accusate di aver permesso l'intercettazione delle chiamate dei loro clienti. Ben 12.000 utenti di internet hanno protestato sul sito di Obama, capeggiati da uno studente universitario della Virginia che ha plasticamente commentato: “Un candidato che vuole spostarsi al centro non dovrebbe tuttavia allontanarsi da noi.” Arianna Huffington, fondatrice dell'omonimo blog liberale, invita Obama a non seguire la fallimentare postura centrista di Kerry nel 2004. “Egli deve continuare ad attrarre verso le urne i milioni di americani che non avevano mai votato prima della sua candidatura alle primarie. Deve appellarsi agli 83 milioni di persone che non hanno votato quattro anni fa.”Secondo molti commentatori e studiosi di scienza politica americani, appare peraltro normale che un candidato che voglia concorrere con alla Casa Bianca tenda ad occupare il centro dello schieramento politico.

 
Can Barack Buy the Presidency?
 

Data:





politiche sociali   iran   putin   india   italia   sarkozy   geopolitica   afghanistan   blair   economia   cina   hamas   storia   medio oriente   nato   clinton   crisi   critica sociale   usa   diritti umani   siria   brown   terrorismo   bush   sicurezza   rubriche   nucleare   ambiente   israele   gran bretagna   occidente   america   stati uniti   europa   democrazia   russia   energia   ue   medvedev   cultura politica   onu   ahmadinejad   francia   mccain   iraq   berlusconi   labour   obama