Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



International Herald Tribune
Asian stocks weighed down by oil price

Il prezzo del petrolio, anche a causa delle tensioni mediorientali, continua a salire ed incide negativamente pure sui mercati asiatici, mai cosě negativi da sedici anni a questa parte. Inoltre, la corsa apparentemente senza fine dell'oro nero demoralizza gli investitori ed induce molti analisti a pronosticare l'insorgere della tanto temuta stagflazione, una perniciosa combinazione di bassa crescita economica e di inflazione. Due i fattori , che sommandosi al dollaro debole, stanno spingendo alle stelle i prezzi petroliferi (ben oltre i 140 dollari al barile): la “guerra delle parole” tra Israele ed Iran, il quarto esportatore al mondo, e la minaccia libica di diminuire la produzione se gli Usa continueranno a premere sui paesi dell' Opec per ottenere un aumento dell'offerta petrolifera globale.

 

The Economist
Double, double, oil and trouble

I governi di tutto il mondo si danno un gran daffare per riportare a livelli tollerabili il prezzo del petrolio. Gordon Brown insiste con i petrolieri perché aumentino la produzione nel Mare del Nord. Nicolas Sarkozy invita l'Unione Europea ad abbassare le tasse sulla benzina. Il Congresso statunitense sta valutando se procedere legalmente contro l'Opec, che accusa di manipolazione del mercato del greggio. Ma č l'attivitŕ dei famigerati speculatori la causa piů popolare che si celerebbe dietro il caro carburanti che affligge i consumatori di tutto il mondo. Eppure, ad un'analisi piů attenta, la spiegazione appare diversa e molto semplice: č la legge della domanda e dell'offerta. L'output petrolifero globale si mantiene su livelli stabili da anni, quando invece la richiesta ha subito una drammatica accelerazione. Normale che i prezzi crescano, soprattutto se si considera che gli unici produttori in grado, forse, di assecondare la aumentata voracitŕ del mercato globale paiono al momento essere l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti.


 

Data:





onu   berlusconi   nucleare   india   geopolitica   obama   america   blair   sicurezza   cultura politica   rubriche   democrazia   iraq   medio oriente   brown   terrorismo   ahmadinejad   storia   bush   mccain   gran bretagna   diritti umani   economia   occidente   hamas   putin   italia   critica sociale   energia   crisi   afghanistan   clinton   politiche sociali   stati uniti   medvedev   israele   iran   sarkozy   ue   russia   siria   francia   cina   ambiente   nato   europa   usa   labour