Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 


 

Logo cid _44
 
L'opinione di Martin Feldstein dell'università di Harvard




 a cura di F. M. Quali effetti avrà la recessione americana negli Stati Uniti e nel mondo? A questa la domanda ha risposto alla rivista Foreign Policy Martin Feldstein, economista di Harvard, secondo il quale la possibilità di una recessione nel 2008 ha ormai «raggiunto il 50% delle probabilità. Anzi, di più». «Segnali negativi continuano ad accumularsi» rileva l'ex consigliere economico del presidente Ronald Reagan,  secondo il quale la recessione potrebbe essere più «g...
Leggi la scheda completa >>
 
Barack sempre più vicino ad Hillary. McCain tiene




Leggi la scheda completa >>
 
Tadic vince di misura, l'indipendenza del Kosovo è più vicina




La Serbia che esce dal voto di ieri guarda ad Ovest, ma con scarsa convinzione. Il ritorno dei fantasmi nazionalisti viene respinto per un soffio, ma il rischio di forti tensioni nei Balcani permane. Il presidente serbo filo-occidentale Boris Tadic è stato rieletto alla presidenza vincendo la sfida elettorale contro il nazionalista Tomislav Nikolic, ma la sua vittoria sul filo di lana potrebbe scatenare una nuova lotta sul futuro del Paese. Tadic ha vinto con il 50,5% contro il 47,9% dei voti raccolti dal rivale, ribaltando l’esito del primo turno che lo vedeva attardato di quattro punti percentuali.

L'Unione Europea ha salutato con sollievo la rielezione di Tadic, ribadendo l’impegno ad accelerare l'avvicinamento alla candidatura UE della più grande repubblica ex jugoslava. Apparentemente &e...
Leggi la scheda completa >>
 
Il giorno più importante nella Storia delle primarie americane

di Fabio Lucchini


Nel frattempo, il Grand Old Party è interessato da una duplice guerra fratricida, che coinvolge da un lato John McCain e l'ala dura dei conservatori del Partito e dall'altro Mitt Romney e Mike Huckabee. Il margine di Mac a livello nazionale rimane amplissimo, ma molti nel Partito continuano a fargli la guerra, accusandolo di essere più a sinistra della detestata Hillary Clinton. Fuoco di fila che evidentemente non lascia indifferente il senatore dell'Arizona, che negli ultimi tempi continua a ripetere di essere un vero e genuino conservatore. Tuttavia, la base tradizionalista che dovrebbe ricondurre, almeno negli auspici di maîtres a penser quali James Dobson, Ann Coulter e David Limbaugh, il GOP sulla strada del conservatorismo è divisa fra Romney ed Huckabee. Il pastore battista che rimane ostinatamente in corsa e ricorre...
Leggi la scheda completa >>
 
McCain non sfonda, sorpresa Huckabee




La gara è ancora aperta. Hillary Clinton vince in California e conquista la maggioranza dei delegati in palio, ma Obama le strappa 13 Stati su 22 e  rimane in scia.  Il senatore dell'Illinois ha vinto, oltre che a casa propria, un po' ovunque. Gli Stati che lo hanno prescelto si distribuiscono a macchia di leopardo sulla mappa geografica d'America. Georgia, Missouri, Alabama, Connecticut, Minnesota, Delaware, Utah, North Dakota, Colorado, Kansas, Idaho e Alaska. La Clinton, da parte sua, ha conquistato gli Stati che assegnavano più...

Leggi la scheda completa >>