Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 


 

Logo cid _44
 
Nicolas Sarkozy, Presidente di una Repubblica fondata sulla “laicità”, discute di religione e Stato, delle tradizioni spirituali e filosofiche cristiane nella formazione della civiltà europea

di Simona Bonfante


Simona Bonfante
Nicolas Sarkozy, Presidente di una Repubblica fondata sulla “laicità”, parla di Dio, di fede, di speranza. Parla di religione e stato, delle tradizioni spirituali e filosofiche cristiane nella formazione della civiltà europea.  Ne parla con inusitata determinazione per un uomo politico, accorto e temerario, eletto a capo di un paese in cui solo il 10% dei cittadini si dichiara credente ed in cui, dal 1905, la laicità delle istituzioni pubbliche è sancita per legge.
La laicità, per la République, è un valore unificante e assoluto, è il collante etico di una società che riconosce nella libertà di credere, o meglio, nell'indifferenza al fatto religioso, la virtù illuminat...
Leggi la scheda completa >>
 
Romney salta sull'ultimo treno per la nomination, i Democrats lottano per il Nevada




Mitt Romney questa volta ha vinto, cogliendo l'ultima chance di presentarsi come candidato credibile per la nomination repubblicana. Il Michigan non l'ha tradito. Con il 39% dei consensi il magnate mormone ha staccato di 9 punti percentuali John McCain e ne ha inflitti 23 a Mike Huckabee. Nel campo democratico Hillary Clinton ha ottenuto il 55% dei voti. Tuttavia, è necessario premettere poche, ma significative, notazioni. Le primarie in Michigan sono state anticipate per decisione dei comitati locali, contro il parere dei due partiti. Il Partito Democratico ha punito il Michigan e non ha riconosciuto allo Stato nemmeno un delegato, motivo per il quale Obama ed Edwards hanno disertato l'evento. I repubblicani ...

Leggi la scheda completa >>
 
La Clinton ottiene più voti ma meno delegati di Obama. L'anziano senatore dell'Arizona guadagna terreno. Giuliani ora è nei guai




Hillary Clinton ottiene il 51% dei voti e sconfigge Barack Obama nei caucuses del Nevada, ma grazie al particolare sistema di distribuzione dei delegati, coloro che poi votano effettivamente alla Convention, il senatore dell'Illinois saluta Las Vegas con qualche certezza in più. Tredici delegati a dodici. Questo lo score, in attesa della distribuzione finale dei delegati che avverrà ad Aprile. Dunque se la Clinton si conferma favorita ed ottiene l'appoggio dei latinos del Nevada, Obama rafforza la sua posizione, sostenuto dall'83% dell'elettorato nero. John Edwards subisce un atteso tracollo, ma ribadisce l'intenzione di correre sino alla fine. Se manterrà la promessa, a fine agosto i suoi delegati a...

Leggi la scheda completa >>
 
Vaticano e dignitari islamici hanno deciso di organizzare un primo incontro che si proporrà di finalizzare procedure e contenuti di una partnership tra le due grandi religioni




Simona Bonfante
“L'esperienza del passato ci insegna che il rispetto mutuo e la comprensione non hanno sempre contraddistinto i rapporti tra cristiani e musulmani. Quante pagine di storia registrano le battaglie e le guerre affrontate invocando, da una parte e dall'altra, il nome di Dio, quasi che combattere il nemico e uccidere l'avversario potesse essere cosa a Lui gradita. Il ricordo di questi tristi eventi dovrebbe riempirci di vergogna, ben sapendo quali atrocità siano state commesse nel nome della religione. Le lezioni del passato devono servirci ad evitare di ripetere gli stessi errori. Noi vogliamo ricercare le vie della riconciliazione e imparare a vivere rispettando ciascuno l'identità dell...

Leggi la scheda completa >>
 
La battaglia per la Democrazia di Critica Sociale e laburisti




Il ministro degli esteri britannico, David Miliband, solleverà al prossimo Consiglio dei ministeri degli Esteri europei il caso del giornalista e medico cubano,  Luis Garcia Paneque, il dissidente detenuto in carcere a Cuba  e proporrà una richiesta di liberazione da parte dell'Unione Europea al Governo de L'Avana.
 Lo ha detto lo stesso ministro Miliband ai rappresentanti di Critica Sociale,  a Londra per partecipare quali partners internazionali alla New Year Conference della Fabian Society, la più antica organizzazione laburista inglese.

A lato della Conferenza, infatti, la rivista socialista italiana ha distribuito un appello sul caso del dissidente cattolico cubano, condannato a 2...

Leggi la scheda completa >>