Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 


 

Logo cid _44
 
Il potente ed evocativo discorso di Barack Obama dopo la vittoria in Iowa




Grazie, grazie Iowa.

Sapete, dicevano che questo giorno non sarebbe mai arrivato. Dicevano che la nostra visione si era spinta troppo in alto. Dicevano che questo Paese era troppo diviso, troppo disilluso per unire le proprie forze in vista di un obbiettivo comune, ma in questa notte di gennaio, in questo momento della storia, voi avete fatto ciò che i cinici non credevano possibile. Voi avete fatto quello che lo Stato del New Hampshire può ripetere tra cinque giorni. Voi avete fatto quello che l'America può fare in questo nuovo anno, nel 2008.

Leggi la scheda completa >>

 
IL NEW HAMPSHIRE SARÀ CON OBAMA. E HILLARY CLINTON DOVRA' RIVEDERE LA SUA STRATEGIA




Il trionfo di Barack Obama nell'Iowa, inatteso nelle proporzioni, sta rivoluzionando le dinamiche della campagna elettorale per la nomination democratica e, in prospettiva, per la corsa alla Casa Bianca. L'Iowa è uno Stato conservatore, demograficamente bianco. L'elettorato del New Hampshire, socialmente più avanzato, dovrebbe essere ancor più incline ad accordare la sua fiducia al senatore dell'Illinois. Del resto, i sondaggi ad un giorno dal voto parlano chiaro: Obama è al 37% delle preferenze, Hillary Clinton al 29, John Edwards al 19. La Clinton è in testa nella media dei sondaggi a livell...

Leggi la scheda completa >>
 
Il discorso di Kennedy a Roma alla vigilia del viaggio a Berlino




Il saluto rivolto dal Presidente USA alla cena in suo onore offerta al Quirinale dal Presidente della Repubblica Italiana, Antonio Segni (1 luglio 1963)

Italia e Stati Uniti non sono mai stati alleati e partner così forti come lo sono oggi nella difesa della libertà. Soldati, marinai, piloti italiani ed americani sono impegnati fianco a fianco nel Continente. Gli uomini di Stato italiani hanno svolto un ruolo decisivo per la costruzione dell'unità europea e la partnership trans-atlantica. Diplomatici e militari italiani sono stati determinanti nel mantenere vitalità e garanzie delle Nazioni Unite. E nonostante l'inasprirsi dell'ostilità e dell'offensiva dell'Est comunista, l'Italia si è con fermezza mantenuta fe...
Leggi la scheda completa >>
 
Cosa devono fare gli Usa per accrescere il loro consenso? (inchiesta di Foreign Policy)



2008
Mentre la corsa per le presidenziali americane continua serrata, gli Stati Uniti si interrogano sull'immagine che danno di sé nel mondo, partendo dal riconoscimento che il Paese oggi non gode più del rispetto e dell'ammirazione che raccoglieva in passato.  A condurre l'inchiesta è stata l'autorevole rivista statunitense Foreign Policy che ha pubblicato le analisi di esperti mondiali di Politica Internazionale ai quali è stato chiesto: “Che cosa il nuovo presidente americano dovrebbe fare per migliorare il consenso internazionale nei confronti dell'America?”.

OBIETTIVO, L'AUTONOMIA ENERGETICA

Le relazioni che gli Usa hanno oggi con molteplici Stati del globo sono contaminate da rabbia...
Leggi la scheda completa >>
 
A parlare è Reza Aslan, scrittore iraniano di fama internazionale e studioso delle religioni presso prestigiose università americane come la Harvard University e la California University



2008
Mentre la corsa per le presidenziali americane continua serrata, gli Stati Uniti si interrogano sull'immagine che danno di sé nel mondo, partendo dal riconoscimento che il Paese oggi non gode più del rispetto e dell'ammirazione che raccoglieva in passato.  A condurre l'inchiesta è stata l'autorevole rivista statunitense Foreign Policy che ha pubblicato le analisi di esperti mondiali di Politica Internazionale ai quali è stato chiesto: “Che cosa il nuovo presidente americano dovrebbe fare per migliorare il consenso internazionale nei confronti dell'America?”. Le relazioni che gli Usa hanno oggi con molteplici Stati del globo sono contaminate da rabbia, rancore e paura, sentimenti che hanno sostituito quelli di amicizia e st...
Leggi la scheda completa >>