Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


LO ZAR PUTIN. L’UOMO PIU’ POTENTE DEL MONDO

Il ritratto del premier russo

Maurizio Stefanini, Libero, 26 luglio 2009,

Chi comanda in Russia? Un mese esatto intercorre tra il 6 luglio, data in cui Medvedev ha firmato con Obama un accordo sul disarmo nucleare, e il 5 agosto, quando a Mosca comincerà il nuovo processo ai presunti assassini della giornalista Anna Politkovskaya. E anche questo secondo evento è visto da molti come un tentativo del presidente di mostrare una maggior attenzione per i problemi dei diritti umani. D'altra parte, nell'incontrarsi con Angela Merkel due giorni dopo l'omicidio dell'altra giornalista e oppositrice Natalia Estemirova Medvedev ha pure manifestato sdegno, e promesso che i responsabili non sarebbero rimasti impuniti.
Quel che è certo è che mentre gli interventi di Medvedev appaiono centellinati, l'attività di Putin è invece frenetica, a 360 gradi, e soprattutto nel senso inequivocabile di un sempre maggior autoritarismo.

svolta moralista
Di nuovo, vediamo la cronaca dell'ultimo mese. Il primo luglio, è iniziato con l'ordine di chiusura di tutti i casinò: imposizione moralista da cui sono state risparmiate solo quattro aree agli estremi confini dell'immenso Paese, e che ha provocato 400.000 disoccupati. Quasi contemporaneamente, il 29 giugno era stato chiuso d'autorità “per problemi sanitari” anche il mercato Cherkizovsky di Mosca: nato all'inizio degli anni '90, esteso per un centinaio di ettari sopra i tunnel sotterranei del periodo staliniano, era il più grande d'Europa, ma si era trasformato in una sorta di “libera repubblica” che a Putin dava fastidio.
Tra i 100.000 persone, in gran parte immigrati clandestini da Cina, Vietnam, Tagikistan e Kirghizistan, molti si sono riversati nelle altre aree della città, facendo paventare il fantasma di una guerra etnica con i commercianti russi.
In teoria, la sospensione è solo per tre mesi. Ma i magistrati incaricati dell'inchiesta danno interviste ai giornali in cui parlano di «nido da vipere da chiudere una volta per tutte», e poco dopo l'oligarca di origine azera Telman Ismailov, il padrone del mercato, se l'è squagliata in Turchia, per prevenire un possibile arresto. A quanto si è saputo, a scatenare l'ira di Putin sarebbe stata la festa faraonica indetta da Ismailov per celebrare l'inaugurazione di un suo nuovo hotel di lusso in Turchia: un aereo privato per trasportarvi 120 chili del costosissimo caviale Beluga, e un milione di dollari a Paris Hilton, Sharon Stone, Richard Gere e Jennifer Lopez per cantare e ballare davanti agli ospiti, sui quali cadeva una pioggia di banconote. Doppio lo sdegno moralista di Putin: per lo schiaffo alla miseria in tempo di crisi, e perché l'azero aveva reinvestito all'estero i soldi guadagnati col Cherkizovsky. Ma in molti sospettano una manovra contro il sindaco di Mosca Yuri Luzhkov, di cui pure Putin si vorrebbe liberare.

maestro e censore
Intervenendo a tutto campo, Putin ha infine completato la manovra sul gioco d'azzardo con l'ordinare l'eliminazione del poker dall'elenco degli sport, che lo esentava dal bando. Ha ordinato a sette società del settore energetico di fornire finanziamenti alla squadra di calcio siberiana del Tom Tomsk, per evitarne il fallimento. E si è pure messo a dare lezioni di pittura a uno degli artisti più famosi del Paese, il 79enne Ilya Glazunov. «Quella spada è troppo corta, serve solo a tagliare salsicce», ha detto del dipinto di un cavaliere medievale. Il pittore ha corretto il quadro seduta stante.



Data: 2009-07-27







siria   blair   medvedev   cultura politica   stati uniti   brown   occidente   diritti umani   rubriche   geopolitica   cina   america   sicurezza   iran   ue   obama   italia   economia   russia   europa   politiche sociali   afghanistan   israele   putin   onu   sarkozy   crisi   usa   gran bretagna   terrorismo   clinton   bush   francia   india   ambiente   berlusconi   ahmadinejad   storia   mccain   iraq   nato   energia   medio oriente   nucleare   labour   democrazia   critica sociale   hamas