Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


I REGIMI ISLAMICI FANNO CARRIERA

Ora alla Libia va la presidenza Onu. Vicepresidenza al Sudan, dove si crocifiggono i detenuti

Il compito dell'Assemblea generale è quello di “assistere nella realizzazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali senza distinzione di razza, sesso, lingua e religione”. Su Gheddafi pesa il sospetto di aver torturato un mese fa quattro ex islamici convertiti al cristianesimo, ha vietato il diritto di sciopero, esegue arresti abritrari, punizioni collettive, sorveglianza totalitaria, non ammette diritto di parola, di associazione, di manifestazione e libertà di religione. Da molti anni la Libia non ha più un solo cittadino di religione ebraica e fino a non molto tempo fa era proibito dare un nome berbero a un nuovo nato. Da un rapporto del dipartimento di stato del 2008 si legge che in Libia vi sono “persone scomparse, torture, arresti arbitrari e traffico di esseri umani”. La Libia ha anche un seggio non permanente al Consiglio di sicurezza, da cui appoggia l'uccisione di israeliani in quanto azione di “resistenza”.

Ci sono state nomine importanti anche alla Commissione giuridica, che sui diritti umani ha un ruolo di grande responsabilità. Il presidente sarà un algerino, esponente di un paese in cui vige la sharia sulle questioni familiari e il presidente Bouteflika domina sulla magistratura. Il vicepresidente verrà da Teheran, dove i magistrati sono scelti dai mullah, le donne bandite da incarichi di prestigio giudiziario, le guardie rivoluzionarie dominano la vita civile e mettono a morte centinaia di individui con le accuse di “offesa a Dio” e “corruzione morale”. Non si contano più i dissidenti uccisi e torturati nelle segrete del regime. E' con questi paladini dei diritti umani che dovrà combattere l'ambasciatrice americana Susan Rice.



Data: 2009-06-15







europa   cultura politica   democrazia   putin   stati uniti   nucleare   bush   diritti umani   blair   usa   economia   labour   iran   storia   siria   india   energia   rubriche   terrorismo   hamas   mccain   israele   occidente   ahmadinejad   clinton   francia   afghanistan   italia   medio oriente   america   nato   berlusconi   brown   critica sociale   onu   geopolitica   ue   cina   crisi   obama   iraq   gran bretagna   sicurezza   russia   ambiente   sarkozy   politiche sociali   medvedev