Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


IL FRONTE DEL NORD

Quella che veniva definita «sottocultura leghista », ormai appare in grado di far proseliti oltre il proprio bacino geografico e ideologico

Massimo Franco, Corriere della Sera, 8 giugno 2009,

L'Italia riemerge dalle urne europee meno bipartitica e apparentemente meno berlusconiana. Non c'è stato il plebiscito a favore del presidente del Consiglio, temuto e sbandierato dall'opposizione; e accreditato dallo stesso Silvio Berlusconi. Emer­ge invece il riequilibrio dei rapporti di forza nel centro­destra fra Pdl e Lega: col partito di Umberto Bossi proiettato verso il primato nel nord; e capace di infiltrarsi con un risultato a due cifre anche a sud del fiume Po. E' la conferma di un Carroccio in ascesa e il presagio di un'ipoteca sul governo, foriera di tensioni interne.

Probabilmente, ha pesato l'astensione alta: ha vota­to il 67%, con punte minime a Sud e nelle isole. E può avere influito la polemica, in parte strumentale, nata sull'onda dei problemi privati e coniugali del premier. Ma il verdetto politico forse nasconde qualcosa di più. Quella che veniva definita «sottocultura leghista », ormai appare in grado di far proseliti oltre il proprio bacino geografico e ideologico; e di proporsi a una parte dell'elettorato con una determinazione che il Pdl è costretto ad assecondare, di fatto subendola. Il governo «egemonizzato dalla Lega» nella polemica dell'opposizione, è stato percepito come tale.

Il risultato è che un an­no dopo le elezioni politi­che, la maggioranza sem­bra poter contare su consensi più o meno immutati; ma distribuiti diversamente. Significa un avallo popolare alle misure prese di recente contro l'immi­grazione clandestina, e rivendicate come proprie da Bossi in competizione con Berlusconi. E si intravede un'affinità, non un'anomalia italiana rispetto ad un'Europa dove richiesta di sicurezza e pulsioni razziste si mescolano; e fanno lievitare i partiti che le in­terpretano. L'affermazione leghista legittima una politica che la accomuna alle forze xenofobe in crescita un po' dovunque: soprattutto in Olanda e Austria. Ma la novità è che non so­no più residuali come nel passato.

La radicalizzazione degli elettori è un dato di fatto: per come votano, e per il rifiuto di andare a votare. A guardar bene, quanto è accaduto nel centrosinistra è un fenomeno simmetrico e opposto a quello della maggioranza governativa. Anche lì è stato ridimensionato nettamente il Pd (orfano dei radicali però); e ne ha tratto vantaggio non la vec­chia sinistra antagonista, quella sì ormai residuale. A ricavarne un piccolo utile è stata l'Udc centrista di Pier Ferdinando Casini. Ma so­prattutto ne ha approfittato l'Idv di Antonio Di Pie­tro, che, guarda caso, si de­finisce da tempo una sorta di «Lega dei valori»; e con­sidera Berlusconi il «disva­lore » per antonomasia. Sono loro, Bossi e Di Pietro, gli interpreti più autentici di un'Italia stanca di tolleranza e tentata dalle soluzioni di forza.


Data: 2009-06-08







brown   rubriche   cina   economia   iran   gran bretagna   medvedev   russia   medio oriente   ue   blair   bush   critica sociale   nato   india   mccain   cultura politica   sarkozy   storia   terrorismo   obama   diritti umani   nucleare   politiche sociali   iraq   america   putin   usa   ambiente   democrazia   europa   labour   israele   ahmadinejad   onu   stati uniti   energia   hamas   geopolitica   occidente   sicurezza   italia   clinton   berlusconi   siria   francia   crisi   afghanistan