Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


RWANDA, LA MEMORIA DI UN GENOCIDIO

Quindici anni dopo, il piccolo paese africano cerca di rialzarsi. Da solo

“Sono pienamente responsabile della morte di dieci soldati belgi, di altri morti, delle ferite non curate per la mancanza di medicinali di molti dei miei soldati, dell'assassinio di 56 operatori della Croce Rossa, di due milioni di rifugiati e dello sterminio di circa un milione di rwandesi. Perché la missione è fallita e io mi considero intimamente responsabile di quanto accaduto.” Parole di Roméo Dallaire , il generale che guidava i caschi blu dell'Onu in Rwanda all'epoca dei fatti. Egli comunicò a più riprese al quartier generale di New York che gli estremisti hutu stavano preparando la carneficina, ma non ottenne risposta dalle Nazioni Unite. Dallaire avrebbe voluto raccontare la sua versione dei fatti sin dal 1997, quando i giudici belgi che avevano aperto un'indagine sul genocidio rwandese avevano convocato il generale canadese per conoscere la sua versione. Ma Kofi Annan, che nel 1994 era a capo del Dipartimento per le operazioni di peacekeeping dell'Onu, gli impedì di di recarsi a Bruxelles per testimoniare.

Il massacro del Rwanda, al di là delle sue radici storiche e delle responsabilità dirette che gravano sul colonialismo europeo, si è preparato ed è esploso in un tempo nel quale la guerra dei Balcani stava immobilizzando le Nazioni Unite,  ma anche un tempo nel quale gli Stati Uniti di Clinton ancora non si erano ripresi dal drammatico fallimento dell'operazione Restore Hope in Somalia. L'ambizioso Nuovo Ordine Internazionale proclamato da Bush padre dopo la sconfitta di Saddam Hussein nel 1991 veniva subito ridimensionato e con esso l'afflato ottimista, moralista ed interventista che aveva caratterizzato la comunità internazionale dopo il crollo del Muro di Berlino. Così, il mondo ha osservato con occhi distratti quanto stava avvenendo nel cuore del continente africano. Senza muovere un dito.

 


Data: 2009-04-16







putin   iraq   sarkozy   rubriche   bush   blair   nato   israele   gran bretagna   ue   cultura politica   diritti umani   obama   europa   berlusconi   democrazia   clinton   india   storia   mccain   cina   usa   politiche sociali   energia   onu   iran   russia   medvedev   nucleare   siria   occidente   afghanistan   sicurezza   medio oriente   labour   hamas   terrorismo   critica sociale   geopolitica   italia   francia   ahmadinejad   brown   crisi   america   stati uniti   economia   ambiente