Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


IL CINICO DISEGNO DI HAMAS

La condizione palestinese non interessa l'organizzazione islamista che governa Gaza

Giuseppe Scanni

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, in appena quattro ore, ha preso atto che non era possibile adottare una risoluzione e che bisognava accontentarsi di una "dichiarazione"che raccomandasse il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza. Il mondo ben pensante (spesso a se stesso) è turbato dall'azione shock and awe (sorprendi e terrorizza) delle Forze Armate israeliane.

Qualche pudico obbietta su un uso sproporzionato della forza, sottovalutando il potenziale terrorista di Hamas, cinicamente capace di sfruttare i problemi e le sofferenze del popolo palestinese pur di aprire le porte agli sciiti. La lotta ai governi moderati sunniti (Egitto, Arabia Saudita, Giordania e, da poco, la Siria impegnata in una difficile mediazione con Israele gestita dalla Turchia) è il vero obiettivo delle minoranze di Hamas e Hezbollah. Una lotta intransigente che ha profittato del periodo di transizione tra la presidenza Bush e quella Obama per non sottoscrivere il rinnovo della tregua con Israele e con tracotanza lanciare una pioggia di missili Qassam sulle esposte città ebree; per sfidare Gerusalemme, il mondo arabo moderato, i palestinesi della Cisgiordania, che appoggiano il Presidente Abu Mazen, e gli Usa, a non reagire o ad affrontare, nei rispettivi paesi, l'accusa di criminali di guerra.

Il cinismo estremista di Hamas tende a favorire l'elezione a febbraio di un governo israeliano conservatore, a impedire la vittoria elettorale del partito di Abu Mazen,Fatah, a bloccare dall'inizio l'attività diplomatica in medio oriente di Obama. Ecco perché, con tutte le ritualità del caso (Lega Araba convocata per il prossimo venerdì, ma pronta ad urlare la sua collera; stati europei tutti concordi nel chiedere un impossibile cessate il fuoco; russi che propongono improbabili mediazioni) la guerra aerea proseguirà con le forze di terra.

Soltanto la sconfitta di Hamas permetterà ad Obama, che ufficialmente non è coinvolto nelle decisioni del gabinetto Bush, di riaprire - dopo il mezzo fallimento di Annapolis - un tavolo di mediazione, che affronterà la non rinviabile decisione su un nuovo statuto per Gerusalemme e sullo smantellamento di colonie israeliane. Perché mai gli israeliani, che da tempo hanno accettato l'idea di due stati conviventi nella pace, dovrebbero scendere a patti con chi non pratica altro che terrorismo e nega il valore degli accordi diplomatici?


Data: 2009-01-22







russia   democrazia   francia   mccain   sicurezza   obama   usa   berlusconi   nucleare   america   india   labour   crisi   onu   energia   afghanistan   brown   politiche sociali   occidente   israele   ambiente   storia   sarkozy   geopolitica   iraq   economia   bush   terrorismo   critica sociale   italia   cultura politica   clinton   blair   rubriche   europa   hamas   cina   siria   nato   gran bretagna   medio oriente   putin   diritti umani   medvedev   ahmadinejad   ue   stati uniti   iran