Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


AROUND THE WORLD, THE CAMPAIGN AT HOME

In tutto il mondo le elezioni Usa sentite come a casa propria

Milioni di persone al di fuori dei confini americani guardano alle elezioni negli Stati Uniti come se il prossimo presidente dovesse avere un'influenza anche sulle loro vite. Dall'Europa all'Asia fino all'Africa, la campagna elettorale statunitense è seguita con un interesse mai riscontrato prima e che sconfina in un sentimento di speranza, da un lato, e di ostilità dall'altro.

Gli entusiasmi stranieri verso la campagna presidenziale sono inoltre mobilitati dalla novità rappresentata da due candidati democratici in lizza: Hillary Clinton e Barack Obama. Ovvero: la possibilità di una donna o di un nero alla Casa Bianca. 

«C'è un disperato bisogno che là fuori ci sia qualcosa meglio di Bush» ha dichiarato al quotidiano di lingua inglese Dean Godson, presidente del Policy Exchange, un gruppo di ricerca londinese di stampo conservatore.  

Spostandosi in Israele, «le elezioni americane sono guardate attraverso il limitato prisma della propria sicurezza – scrive il giornale di proprietà del New York Times – e la maggior parte degli israeliani ha concluso che la Clinton sarebbe il miglior presidente americano, secondo un calcolo che include anche la familiarità con la quale è guardato il marito di Hillary».

Un forte interesse verso le elezioni americane si registra in Senegal, Stato della parte occidentale dell'Africa, «dove è profonda l'avversione nei confronti di Bush e la speranza che il nuovo presidente sia più aperto nei confronti dell'immigrazione e meno ostile all'Islam».

 Oltre ai candidati, a fare notizia è anche la democrazia americana, con i suoi strumenti popolari quali le primarie e i caucus, e con l'immagine dei candidati alla presidenza che conducono le loro campagne elettorali tra la gente, facendosi riprendere in abiti informali e situazioni genuinamente americane.  «E' rinfrescante osservare che una grande democrazia funziona nei suoi livelli basilari – afferma Lord McNally, leader dei Liberali democratici nella Camera dei Lord britannica – Nonostante i soldi, la pubblicità, il potere della televisione, la persona che vuole essere l'uomo o la donna più potente del mondo si deve ancora “abbassare” e andare a parlare nelle aule dei comuni di piccole cittadine, fermarsi a parlare con la gente per la strada o fare comizi da un palco improvvisato in mezzo a una piazza». Al di là delle contraddizioni che caratterizzano l'America e le sue politiche, è innegabile che essa rappresenta in questo senso un modello di democrazia al quale guardare.  



Data: 2008-01-30







europa   clinton   onu   francia   critica sociale   ahmadinejad   afghanistan   usa   stati uniti   hamas   sarkozy   obama   terrorismo   occidente   storia   ue   diritti umani   energia   ambiente   cultura politica   economia   geopolitica   iraq   labour   india   america   cina   mccain   putin   democrazia   nato   medio oriente   siria   brown   israele   bush   berlusconi   crisi   sicurezza   italia   iran   blair   medvedev   rubriche   russia   gran bretagna   politiche sociali   nucleare