Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Titoli >>  >> Numero 9
 
 


2010,
Numero 9

Scelte Finanziarie dell’Italia Unita (1861-1899)

Francesco Forte ■ Fondazione ReL: "Risorgimento e Unità d'Italia"
di Francesco Forte

La storia come presente ci induce a riflettere sul retaggio che ci ha lasciato il Risorgimento, con le sue scelte finanziarie, nella finanza pubblica e nella politica dello stato sociale nella questione meridionale. Si tratta dal 1860 al 1915, di 55 anni di storia dell’Italia unita, dominati, nel dibattito intellettuale e nella concreta azione di governo, per una gran parte del tempo, dal pensiero liberale liberista e poi, in parte crescente, dal pensiero liberale di indirizzo sociale e dal pensiero dei socialisti riformisti e dei cattolici “popolari”. La rivisitazione obbiettiva di quei 65 anni, per i grandi temi del bilancio, del debito pubblico, del capitale umano, dell’istruzione, dello stato sociale, del Mezzogiorno, è necessaria in quanto vi è una ampia letteratura che domina nei libri di testo, e nella vulgata, che ha deformato tale storia e continua a farlo imperterrita. (Critica Sociale n.9 - prima parte)
*La seconda parte nel n.10