Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



IL RIFORMISMO EUROPEO VERSO IL 2013

La vittoria di Barack Obama ha chiuso con una nota di ottimismo il 2012 delle forze politiche che si ispirano al progressismo. La coalizione che lo ha sostenuto il 6 novembre, elettori non-bianchi, giovani  e metropolitani, ha catturato l'immaginazione del centro-sinistra europeo in ripresa. Tuttavia, l'esito americano, condizionato dai profondi cambiamenti demografico-sociali in atto in quella società, non è facilmente replicabile nel Vecchio Continente, dove il rapporto tra voto giovanile e partiti progressisti è decisamente fluido  e problematico.

In generale, i partiti che possiamo definire "tradizionali" non sono ancora riusciti ad adattarsi alle nuove forme  giovanili di coinvolgimento politico. Si tratta di comprenderne i linguaggi e le rivendicazioni, per poter dialogare e costruire coalizioni. In caso contrario, ogni ipotesi di dialogo verrà definitivamente frustrata. Basti pensare a quanto accaduto in occasione delle elezioni primaverili francesi, caratterizzate da una significativa discontinuità generazionale nei comportamenti di voto. Infatti, il 35% dei giovani elettori ha abbandonato le principali forze politiche, sia di centro-sinistra che di centro-destra. Lo stesso vincitore e nuovo presidente, Francois Hollande, ha riscontrato il più basso livello di sostegno nella fascia di età dai 18 ai 25 anni. Insomma, il legame tra i giovani e le forme tradizionali della politica si va sfilacciando. Non sorprende quindi che i cosiddetti populismi (Beppe Grillo in Italia) e, purtroppo, anche alcuni movimenti politici estremisti (l'estrema destra xenofoba, in Grecia come in Svezia) sinora marginali, stiano riscuotendo sempre maggior consenso.

Eppur qualcosa si muove per superare le rigidità organizzative e l'opacità che molti imputano ai partiti tradizionali. Le primarie che hanno avuto luogo in primavera e in autunno all'interno della sinistra francese e italiana si sono rivelate un successo di partecipazione e trasparenza. Inoltre, in vista delle elezioni tedesche del prossimo anno, l'SPD sta pianificano una campagna porta a porta sulla falsariga del rivoluzionario metodo obamiano. Non è detto che ciò basti a contrastare la comunque solida popolarità di Angela Merkel, ma cionondimeno rappresenta un incoraggiante segnale di vitalità, a patto che i socialdemocratici tedeschi riescano a cogliere l'essenza del precedente americano.

Infatti, come evidenziato nel report mensile che Policy Network dedica allo Stato della sinistra europea e mondiale, la forza del "modello Obama" sta nell'aver compreso la natura sempre più frammentata dell'elettorato contemporaneo. Pertanto, i partiti devono oggi essere in grado di rivolgersi direttamente al cittadino di cui intendono conquistare l'attenzione, la fiducia e il consenso. Mentre il numero dei loro iscritti diminuisce,  e mentre declina il peso dei loro alleati classici (sindacati e associazioni no profit), i partiti politici, in particolare quelli di ispirazione progressista, devono cercare nuove partnership per poter orchestrare campagne efficaci. Per questo motivo appaiono sempre più evidenti le ragioni per dialogare con quei giovani che si allontanano dalla politica tradizionale, ma che, mobilitandosi tramite altri canali, non sono affatto l'antipolitica. In estrema sintesi, le fortune elettorali delle forze riformiste europee e la conseguente possibilità di formare governi stabili fondati su un ampio consenso popolare, dipenderanno in buona parte dalla loro capacità di coalizzarsi con i nuovi movimenti che negli ultimi mesi si sono mossi tra web e piazza in cerca di rappresentanza politica. (A cura di Fabio Lucchini)

 

Data:





israele   gran bretagna   india   iran   rubriche   occidente   sicurezza   italia   economia   stati uniti   mccain   crisi   medio oriente   blair   europa   geopolitica   putin   clinton   usa   labour   ue   francia   bush   america   cultura politica   afghanistan   diritti umani   ahmadinejad   politiche sociali   storia   critica sociale   terrorismo   sarkozy   ambiente   onu   democrazia   iraq   energia   hamas   nucleare   berlusconi   cina   obama   siria   medvedev   brown   nato   russia